Emicranie in sovrappeso

30 novembre 2007

Emicranie in sovrappeso



Non un semplice mal di testa, ma un fattore limitante che condiziona e rende difficile la normale funzionalità quotidiana, un dolore che passa con una pastiglia ma che poi torna. Forse uno dei pochi ambiti in cui, per quanto non gravi, non si riesce a avere indicazioni specifiche ed efficaci su come fare prevenzione. Ci sono profilassi farmacologiche e consigli sullo stile di vita che vanno più sulla linea del buon senso che su evidenze dimostrate. Il risultato è che il mal di testa quando arriva arriva, forse per cause genetiche, forse per cause ambientali, ma a quel punto bisogna farci i conti.

Peggiora ma non scatena
Alcuni studi aggiungono un tassello in più all'eziopatogenesi del disturbo dando indicazioni sulle possibili associazioni; una di queste interessa l'obesità, e permette di fare delle riflessioni sugli stili di vita. Diverse osservazioni riferiscono che chi soffre di mal di testa episodico rischia cinque volte di più che cronicizzi se è anche obeso rispetto a chi è normopeso. Ma l'associazione ha delle sfumature, per esempio la prevalenza degli attacchi episodici tra i soggetti emicranici non varia con il peso corporeo, o meglio con l'indice di massa corporea (IMC), inoltre, gli emicranici con un elevato IMC soffrono di episodi più frequenti, che comportano un livello di disabilità maggiore. Dati che indicano che l'obesità non è un fattore che scatena l'insorgenza dell'emicrania, ma che ne peggiora la frequenza e la gravità fino a renderla cronica. Aspetti che sono stati approfonditi sulla base dei dati raccolti dallo studio AMPP (American Migraine Prevalence and Prevention) che hanno offerto un'occasione per ulteriori indagini su queste correlazioni. In particolare, è stata valutata l'influenza dell'IMC sulla frequenza e gravità dell'emicrania, dell'emicrania probabile (un sottotipo che incontra tutti i criteri tranne uno dell'emicrania) e del mal di testa di tipo tensivo episodico grave (severe episodic tensivetype headache S-ETTH).

Non per tutti i mal di testa
I dati sono stati elaborati sulla base di un campione di circa 19 mila soggetti con emicrania, 7500 con emicrania probabile e 2000 con S-ETTH. Ed è emerso che tra i soggetti emicranici il 62,3% era in sovrappeso (IMC 25,0 - 29,9) o obeso (IMC 30,0 - 34,9), una percentuale simile, 62,1%, è stata riscontrata negli altri casi di mal di testa. Inoltre, in caso di emicrania e di emicrania probabile, l'obesità era associata ad attacchi molto frequenti e, per l'emicrania normale, anche a un livello di disabilità più alto, ma solo l'obesità grave (IMC >35,0) era associata a un'elevata compromissione della funzionalità. Sono nei soggetti con S-ETTH non è stata riscontrata alcuna relazione tra i due fattori a conferma dell'ipotesi che l'obesità non influenza tutti i tipi di mal di testa ma solo quelli di tipo emicranico. Tuttavia nonostante le differenze nel gruppo di emicranici, il tasso di prescrizione dei farmaci per il trattamento acuto erano simili nei diversi gruppi caratterizzati dai diversi IMC, solo in caso di obesità grave la prescrizione diventava particolarmente importante. Dal momento che questi farmaci non contribuiscono allo sviluppo dell'obesità, gli autori dell'analisi ipotizzano una relazione con i farmaci preventivi dell'emicrania, che possono avere effetti sul peso. Inoltre, per spiegare la relazione tra le due condizioni, vengono chiamati in causa fattori di rischio ambientale e genetico a cui entrambi sono soggetti. Peraltro, alcuni dei mediatori infiammatori, i cui livelli si elevano nei soggetti obesi, sono elementi importanti nella patogenesi dell'emicrania e quindi possono aumentare frequenza, gravità e durata degli attacchi. E non da ultimo, obesità ed emicrania possono condividere anche altre condizioni, come per esempio la depressione. A creare un quadro ancora più complesso.

Simona Zazzetta

Fonti
Bigal ME et al. Body mass index and episodic headaches: a population-based study. Arch Intern Med. 2007 Oct 8;167(18):1964-70

 



Cerca nel sito


Cerca in


Farmaci  |  Esperto risponde  |


Schede patologie


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Telelavoro: pregi e difetti
Mente e cervello
15 novembre 2017
News
Telelavoro: pregi e difetti
A passo di danza si invecchia meglio
Mente e cervello
09 novembre 2017
News
A passo di danza si invecchia meglio
L'esperto risponde