Non solo Alzheimer

22 febbraio 2006

Non solo Alzheimer



La demenza è una condizione che interessa dall’1 al 5% della popolazione al di sopra dei 65 anni e circa il 30% degli ottantenni. Con il termine demenza si intende una condizione di disfunzione cronica e progressiva delle funzioni cerebrali, che porta a un declino delle facoltà cognitive. La malattia di Alzheimer, la demenza vascolare e la demenza con i corpi di Lewy rappresentano le principali cause di deterioramento cognitivo; ma la demenza può anche essere la manifestazione secondaria di altri fattori non neurodegenerativi, quali alcune forme tumorali, l’alcolismo, la sclerosi multipla, l’AIDS e alcune malattie mentali.
Una diagnosi precisa delle diverse forme di demenza può rivelarsi complicata, in quanto i sintomi clinici sono spesso simili, soprattutto nelle prime fasi della malattia; inoltre, il più delle volte le demenze sono il risultato di una complessa interazione tra fattori genetici, modificazioni neurochimiche e interazioni con altre malattie. Esistono, infatti degli stati misti, cioè situazioni in cui il paziente presenta congiuntamente i sintomi caratteristici di più tipi di demenza.
Per quanto riguarda le demenze dovute a cause non degenerative e non vascolari, le informazioni relative alla loro incidenza sono scarse e uno studio, pubblicato sugli Archives of Neurology, ha cercato di fare un po’ di luce.

Cause diverse
L’indagine condotta presso il Mayo Clinic College of Medicine, si è occupato di verificare l’incidenza di demenza dovuta a cause non degenerative e non vascolari, nei casi di demenza diagnosticati a Rochester, nel Minnesota, tra il 1990 e il 1994.
I casi di demenza negli anni presi in considerazione sono stati 560 e, di questi, il 7,7% non derivava da cause degenerative o vascolari. Nei 43 soggetti in questione, la demenza era dovuta principalmente a forme tumorali con metastasi cerebrali, alcolismo o patologie psichiatriche. In particolare, i pazienti con demenza non degenerativa non vascolare rappresentavano il 30% di coloro che hanno avuto l’insorgenza della patologia prima dei 70 anni, mentre se la manifestazione era avvenuta tra i 70 e i 99 anni, solo il 5% non era dovuta a neurodegenerazione o a fenomeni vascolari.
In alcuni casi la demenza è stata attribuita alla presenza di idrocefalo a pressione normale, ematoma subdurale, carenza di vitamina B12 o ipotiroidismo, tuttavia in seguito ad appropriato trattamento per ripristinare le condizioni “normali”, la demenza non è regredita.
Dai risultati dell’indagine è dunque emerso che, nei casi in cui la demenza si presenta al di sotto dei 70 anni, aumenta la probabilità che la causa non sia una patologia neurodegenerativa o fenomeni vascolari, piuttosto fattori differenti.

Ombretta Bandi


Fonte
Knopman DS et al. Incidence and causes of nondegenerative nonvascular dementia: a population-based study. Arch Neurol. 2006 Feb;63(2):218-21.

Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza, Promozione della Salute





Cerca nel sito


Cerca in


Farmaci  |  Esperto risponde  |


Schede patologie


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Telelavoro: pregi e difetti
Mente e cervello
15 novembre 2017
News
Telelavoro: pregi e difetti
A passo di danza si invecchia meglio
Mente e cervello
09 novembre 2017
News
A passo di danza si invecchia meglio
L'esperto risponde