Alleati preziosi a tavola

13 febbraio 2004

Alleati preziosi a tavola



Le indicazioni dell'Organizzazione Mondiale della Sanità sono ben chiare in materia di alimentazione e salute: includere frutta e verdura nel regime dietetico quotidiano è indispensabile per mantenersi sani. Un concetto ribadito anche nell'ambito del convegno "Antiossidanti e invecchiamento: realtà e prospettive di impiego in dermatologia,
cosmetologia e nella medicina del benessere" svoltosi a Roma nei giorni scorsi. Nel corso dei lavori sono stati sottolineati i benefici dell'azione antiossidante dei nutrienti presenti in questi alimenti e del loro forte effetto antinvecchiamento ampiamente riconosciuto. 

Paradosso dell'ossigeno
L'ossidazione è un processo che si verifica fisiologicamente dentro l'organismo, è una sorta di "arruginimento" provocato dalla presenza di radicali liberi. Si tratta di molecole che contengono ossigeno che, a differenza del solito, invece di essere benefico risulta dannoso per la struttura cellulare. La loro presenza è fisiologica in quanto rappresentano il prodotto di scarto di moltissime reazioni metaboliche che mantengono in vita un essere umano. Ma sono anche dannose poiché reagiscono con altre molecole dell'organismo come proteine, lipidi e DNA, presenti, tra l'altro, nelle cellule e nelle membrane cellulari, danneggiandole direttamente oppure modificando la struttura e quindi la funzione. Esercitano quindi un'aggressione che compromette tutte le strutture biologiche dell'organismo, innescando un processo di invecchiamento.

Pericolosi accumuli
In realtà è l'organismo stesso che provvede a neutralizzare i radicali liberi con enzimi specifici che fungono da "spazzini" e li eliminano trasformandoli in acqua e ossigeno (questa volta innocuo). Finché la produzione di radicali liberi rimane in equilibrio con l'attività di rimozione si rimane in una situazione fisiologica sana.
Ma il problema nasce quando tali sostanze cominciano ad accumularsi, e il tempo è un loro ottimo alleato in quanto un organismo che invecchia è sempre meno efficiente nello svolgere in modo corretto tutte le sue funzioni. Si tratta tuttavia di un circolo vizioso: l'organismo invecchia, i radicali liberi si accumulano e a loro volta fanno invecchiare l'organismo. Un processo naturale che però non rimane immune all'ambiente esterno e all'interazione con esso. L'affaticamento fisico e mentale, l'alimentazione squilibrata, un elevato consumo di alcol, fumo, farmaci, un'esposizione impropria a radiazioni ultraviolette e a inquinanti ambientali creano il cosiddetto stress ossidativo che contribuisce a sbilanciare l'equilibrio verso una preminenza di produzione di radicali liberi.

Frutta e verdura contro l'invecchiamento
L'azione antiossidante endogena costituita dall'arsenale di enzimi non è inesauribile e va in ogni caso integrata e rinforzata con altri elementi antiossidanti che si trovano negli alimenti.
Con l'alimentazione è possibile infatti assumere pigmenti vegetali (polifenoli, bioflavonoidi), vitamine (C, E, betacarotene), micronutrienti (selenio, Q10) ed enzimi, che hanno la loro fonte principale negli alimenti vegetali consumati preferibilmente freschi. In realtà ogni antiossidante è specifico per pochi tipi di radicali liberi e ha un'efficacia limitata ragion per cui è importante variare qualitativamente l'alimentazione per garantire una più ampia "copertura" antiossidativa. Ed è altrettanto importante consumarne una quantità adeguata, riconosciuta, per esempio dal ministero della salute anglosassone, come almeno cinque porzioni di frutta e verdura giornaliere, che corrispondono a circa a 5-6 etti del loro peso.
Quindi, "è possibile difendersi dall'invecchiamento grazie agli antiossidanti presenti nella frutta e nella verdura - afferma il professor Leonardo Celleno, direttore del Centro di ricerche cosmetologiche dell'università' Cattolica di Roma - queste importanti molecole sono sempre più usate anche in dermatologia e in cosmetologia". Ciò non impedirà all'organismo di invecchiare, ma sicuramente di non invecchiare rapidamente e/o precocemente e di aumentare le probabilità di mantenere l'organismo in salute.

Simona Zazzetta


Fonti
"Antiossidanti e invecchiamento: realtà e prospettive di impiego in dermatologia, cosmetologia e nella medicina del benessere". Roma, 6 e 7 febbraio 2004




Cerca nel sito


Cerca in


Ricette  |  Farmaci  |  Esperto risponde  |
Schede patologie


Cerca il farmaco
Potrebbe interessarti
L'esperto risponde