Carne rossa? Meglio non esagerare

01 aprile 2005

Carne rossa? Meglio non esagerare



A partire dagli anni '80, da quando cioè i celeberrimi Doll e Peto hanno stimato che il 35% delle morti per cancro è dovuto a fattori dietetici, sono sempre di più le ricerche che mirano a definire il ruolo della dieta nell'incidenza del cancro. Del resto anche in Italia, nel giro di un decennio, la mortalità per tumore del colon-retto è aumentata del 18% da 13385 a 16150 decessi l'anno. Un tumore largamente prevedibile, però, secondo gli esperti che consigliano, da sempre, di abbandonare cattive abitudini di vita, a cominciare proprio dalla dieta. Ma davvero conta così tanto? Uno studio, pubblicato su Jama, ha preso in considerazione, ed è una delle prime volte, la correlazione tra assunzione a lungo termine di carne rossa e cancro colorettale. I risultati sono tutt'altro che confortanti per gli amanti dei piatti a base di vitello, cavallo, manzo e simili.

Lo studio statunitense
A mettere un po' di chiarezza ai risultati controversi sull'argomento dell'ultimo periodo, hanno provveduto i ricercatori dell'American Cancer Society che hanno monitorato stile di vita, abitudini alimentari e dieta di 148610 adulti con un'età media di 63 anni, sottoponendoli a questionari nel 1982 e, successivamente, tra il '92 e il '93, nei quali i volontari indicavano le abitudini alimentari, l'esercizio fisico, altre caratteristiche del loro stile di vita e i problemi di salute. I risultati? Nel 2001, a distanza di 19 anni dal primo questionario, sono stati rilevati ben 1667 nuovi casi di cancro colorettale. Come a dire che coloro che consumavano alti quantitativi di carne rossa e carni trattate (insaccati, scatolette e paté, tutti ricchi di aromi e conservanti) avevano il 50% in più di possibilità di ammalarsi di queste forme tumorali rispetto a coloro che consumavano meno carne. Il campione contraddistinto da una dieta a base di pesce e carni bianche evidenziava, inoltre, un rischio inferiore di circa il 25% di ammalarsi. Dati preoccupanti per gli amanti dell'hamburger, visto che ne basta uno grande quanto un palmo di mano ad aumentare il rischio di cancro. Ma quanta carne rossa è sicura? Lo studio non era mirato a questo ma - sostengono i ricercatori - i livelli più bassi di rischio sono stati riscontrati negli uomini che mangiano meno di 1 oncia e mezza di carne rossa al giorno, pari a circa 45 grammi, per le donne il livello è ancora più basso, meno di 30 grammi al giorno. Beh molti americani dovranno cambiare dieta non c'è che dire. Del resto la carne rossa non è l'unica responsabile del rischio di cancro - puntualizza un'editoriale di accompagnamento al pezzo. Mantenersi attivi perciò e non fumare rimangono consigli prioritari. Ma anche mangiare in modo corretto: meno grassi animali, perciò, e più fibre e legumi. Del resto vorrà pur dire qualcosa se le popolazioni orientali più vegetariane di noi hanno una bassissima incidenza di cancro intestinale.

Marco Malagutti

Fonte
Chao A et al. Meat Consumption and Risk of Colorectal Cancer. JAMA. 2005;293:172-182.



Cerca nel sito


Cerca in


Farmaci  |  Esperto risponde  |


Schede patologie


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Torta tutta mele con farina di mais
Alimentazione
17 novembre 2017
Le ricette della salute
Torta tutta mele con farina di mais
Insalata calda con sgombro, ceci e cimette di rapa
Alimentazione
13 novembre 2017
Le ricette della salute
Insalata calda con sgombro, ceci e cimette di rapa
L'esperto risponde