L'avanzata degli integratori

13 marzo 2009

L'avanzata degli integratori



Gli italiani hanno sempre più fiducia nelle proprietà benefiche per la salute degli integratori, come si ricava dall'andamento di mercato di questi prodotti attestato anche dall'ultima indagine AC-Nielsen per FederSalus. Una tendenza in crescita negli ultimi anni e confermata dall'incremento dell'11,2% di vendite nel 2008, che indica che agli integratori non si rinuncia neppure sotto l'incalzare della crisi economica; addirittura, il ricavato del settore varrebbe un decimo della cifra prevista nella Finanziaria 2009. Oggi a questi supplementi ricorre un italiano su tre, e se il 45% lo fa occasionalmente, il 18% li consuma regolarmente durante l'anno; la fedeltà risulta anche dal fatto che il 62% afferma di utilizzarli da oltre due anni, il 14% comunque da più di un anno. L'analisi del fenomeno è utile e andrebbe approfondita, anche a fronte dell'altra tendenza in crescita in vari paesi e cioè l'acquisto via Internet di prodotti nel campo della salute compresi gli integratori, al di fuori di canali che offrono garanzie e quindi con possibili rischi, come quelli che denuncia per esempio la FDA statunitense.

Benessere generale o esigenze specifiche
Dall'indagine risulta che la motivazione per l'uso abituale di integratori è per il 46% la ricerca di benessere psico-fisico in generale e per il 43% quella di risposte a specifiche esigenze di salute; nel secondo caso a differenza del primo c'è una prevalenza femminile. Un ulteriore 7% li usa abitualmente perché li considera un valido supporto nella dieta di uno sportivo e un altro 3,3% in quelle dimagranti. Questo si rispecchia nelle tipologie scelte: in cima, per il 52,5%, complessi vitaminici e minerali, seguono per il 36% integratori energetici o fermenti lattici, e per il 14,4% quelli per lo sport con netta predominanza maschile. Ci sono poi supplementi a base di crusche e altre fibre nell'8,3%, e agli estratti vegetali come aloe o papaia nel 7,8% o ginseng, pappa reale e tonici nel 7,4%. Volendo tracciare un profilo del consumatore di integratori emerge che circa in due casi su tre si tratta di donne, e nel 5,7% dei casi di persone con istruzione medio-alta; i complessi vitaminici e minerali sono più usati dai meglio istruiti che li ritengono una scelta di benessere, per i fermenti lattici c'è una preferenza per donne e casalinghe. Interessante è poi da chi ci si fa consigliare e dove si acquistano questi prodotti. Poco più della metà, il 51,7%, si affida al medico, mentre un terzo (soprattutto maschi) preferisce il fai da te, anche se nel 7,5% dei casi dice di rivolgersi sempre al farmacista e nel 2,5% all'erborista di fiducia: questo a fronte di oltre 6 milioni gli italiani che s'informano via web sui vari aspetti relativi alla salute e del benessere.

Il terreno potenzialmente insidioso del web
Per la scelta tra farmacia, parafarmacia, erboristeria, grande distribuzione, quale luogo d'acquisto, quasi un terzo si fa consigliare dal medico (specie le donne) e due variabili principali influiscono, la fiducia per chi si orienta verso i primi e la convenienza per chi va al supermercato; in farmacia si comperano soprattutto multivitaminici, dimagranti e fermenti lattici e nella grande distribuzione sostitutivi del pasto, dimagranti, integratori per lo sport. La possibilità di acquistare prodotti salutistici nelle parafarmacie e nei supermercati ha costituito un fattore di spinta per la vendita degli integratori. L'altro fenomeno recente è, come detto, quello della possibilità d'acquisto via Internet, un terreno insidioso. Negli Stati Uniti, dove tale modalità è ovviamente molto più diffusa, la FDA ha appena lanciato un "warning" (citato su Jama), un avvertimento ai consumatori rispetto all'utilizzo di quasi 70 prodotti dietetici OTC venduti come naturali o estratti vegetali, via web e anche al dettaglio, che possono contenere principi attivi non dichiarati, quali sostanze per perdere peso, diuretiche, lassative. Ci sono rischi legati per esempio a dosi molto superiori a quanto raccomandato, all'uso di sostanze con effetti collaterali pericolosi, o non appropriate per chi le utilizza. Dato l'interesse crescente per gli integratori è questo un campo in cui bisognerà essere sempre più vigili.

Viviana Zanardi

Fonti
AC/Nielsen per FederSalus


Cerca nel sito


Cerca in


Farmaci  |  Esperto risponde  |


Schede patologie


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Torta tutta mele con farina di mais
Alimentazione
17 novembre 2017
Le ricette della salute
Torta tutta mele con farina di mais
Insalata calda con sgombro, ceci e cimette di rapa
Alimentazione
13 novembre 2017
Le ricette della salute
Insalata calda con sgombro, ceci e cimette di rapa
L'esperto risponde