Coi grassi funziona

27 maggio 2005
Focus

Coi grassi funziona



C'è modo e modo di abbassare il colesterolo, certo, le medicine la fanno da padrone, perché le statine sono indispensabili quando si fa la differenza tra la vita e la morte. Tuttavia non è detto che chi ha un elevato livello di colesterolo nel sangue possa solo curarsi con i farmaci. Da tempo ormai si insiste sull'importanza dello stile di vita e sull'alimentazione, non a caso il profilo lipidico di ogni persona dipende molto dall'apporto di grassi contenuto nella dieta. E' anche vero che in natura, negli alimenti, ci sono sostanze "terapeutiche", che svolgono cioè un'azione non solo strutturale o energetica, ma che interferisce con il metabolismo umano, nella maggior parte dei casi, migliorandolo.

Molecole funzionali
Scoperte queste proprietà negli alimenti, sono state sfruttate per creare integratori che permettevano di concentrare il principio carente in una capsula e quindi facilitarne l'assunzione. In alternativa si è pensato di arricchire gli alimenti di consumo quotidiano di tali sostanze, producendo i cosiddetti cibi funzionali (functional food), che mantengono le loro caratteristiche organolettiche e nutrizionali ma con un valore aggiunto, cioè il ruolo che tale molecola "in più" va a svolgere nell'organismo umano.In questo caso non si tratta di aggiungere un supplemento alla propria dieta carente, ma di sostituire l'alimento normalmente consumato con quello addizionato. Con vantaggi non trascurabili. Lo dimostra l'esperienza fatta con i functional food che abbassano la colesterolemia.Da studi clinici è emerso che gli acidi grassi omega 3, le proteine della soia e i fitosteroli, hanno la capacità di controllare il livello di colesterolo nel sangue. Sono sostanze normalmente contenute in alcuni alimenti; la fonte degli omega 3 è il pesce (inclusi i crostacei), i fitosteroli si trovano in moltissimi prodotti vegetali, in particolare negli oli vegetali.

Vantaggi e benefici
Le quantità introdotte con gli alimenti sono bilanciate e nel corso della vita contribuiscono a mantenere l'organismo in salute, ma per avere un effetto "terapeutico" o meglio funzionale, devono essere incrementate. Una teoria fondata non solo sulla logica ma anche su risultati scientifici, per quanto ancora incompleti. Per esempio è stata confermata l'ipotesi che alimenti tipo cracker, pane, merendine fortificate con 2 grammi di omega 3 o 25 grammi di proteine della soia, consumati per cinque settimane, potevano ridurre gli eventi cardiovascolari. In realtà, in questo caso si osservava solo un incremento del 6% del colesterolo HDL, quello "buono", effetto che di per sé ha un valore protettivo. In effetti l'azione degli acidi grassi omega 3 consiste proprio nello stimolare la formazione di molecole di colesterolo più dense, cioè HDL.L'attenzione rimane comunque sui composti di origine vegetale, come per esempio i fitosteroli che aggiunti in dosi specifiche agli alimenti, in questo caso, riducono proprio la quota di colosterolo LDL, quello "cattivo". I dati presentati alla conferenza stampa di lancio di un nuovo prodotto funzionale a base di latte, indicava che con una dose di 2 grammi giornalieri di fitosteroli, contenuti in 100 grammi di prodotto, assunta per tre settimane, si otteneva una riduzione del 10% dei livelli di LDL-C. Il meccanismo d'azione si verifica a livello intestinale dove i fitosteroli, di natura chimica simile al colesterolo, impegnano i recettori specifici del colesterolo che anziché essere assorbito viene eliminato nel transito intestinale.I benefici apportati da tali soluzioni sono additivi a quelli dei farmaci, che in certi casi sono indispensabili. Certo che se sostituendo un alimento con l'analogo funzionale si riuscisse a diminuire o a ritardare l'uso di farmaci, ne può valer la pena, anche perché non c'è neanche la difficoltà di cambiare abitudini, al massimo marca.

Simona Zazzetta

Fonte
Can foods with added soya-protein or fish-oil reduce risk factors for coronary disease? A factorial randomised controlled trial. Nutr Metab Cardiovasc Dis. 2004 Dec;14(6):344-50

Cardiovascular effects of omega-3-fatty acids and alternatives to increase their intake. Nutr Hosp. 2005 Jan-Feb;20(1):63-9

Conferenza stampa: Nasce Maya-Proactiv, l'alimento che dirige significativamente il colesterolo. Milano, 24 maggio 2005



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Schede patologia


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Tagliatelle al pesto di sedano e pinoli
Alimentazione
04 dicembre 2017
Le ricette della salute
Tagliatelle al pesto di sedano e pinoli
L'esperto risponde