Più mobili con il Tai Chi

28 luglio 2004

Più mobili con il Tai Chi



Praticare l'antica arte marziale cinese del Tai Chi potrebbe migliorare le possibilità di movimento nei pazienti affetti da artrite reumatoide. Da tempo la disciplina cinese è considerata adatta a chi soffre di malattie articolari degenerative, grazie al fatto che i carichi sulle articolazioni sono bassi così come la velocità di esecuzione dei movimenti. Se in un recente studio, pubblicato sul Journal of the American Geriatrics Society, era stata evidenziata una protezione esercitata dal Tai Chi sulle cadute, altrettanto non era mai stato fatto per quel che concerne l'artrite reumatoide. Lo studio statunitense, invece, pur non evidenziando nessun beneficio nell'evoluzione della malattia per effetto dell'arte marziale, ha rilevato un significativo miglioramento nella mobilità delle articolazioni, delle gambe e delle anche in particolare. Inoltre i ricercatori hanno riscontrato un maggiore coinvolgimento dei pazienti nei programmi di esercizio rispetto a quelli tradizionali. 

Muoversi senza strappi
L'artrite reumatoide, come noto, è una malattia autoimmune caratterizzata dall'infiammazione dei tessuti di rivestimento delle articolazioni, che affligge oltre sei milioni di persone nel mondo. L'infiammazione provoca la perdita della funzione articolare e, con il tempo, distrugge l'articolazione in modo irreversibile. Una malattia fortemente condizionante per il cui trattamento attualmente si utilizzano diversi approcci che mirano a ridurre l'infiammazione e il dolore, oltre a prevenire la disabilità e a rallentare la progressione della malattia. Il Tai Chi a sua volta è una disciplina marziale cinese che risale al tredicesimo secolo, in cui l'attenzione è centrata sulla respirazione diaframmatica, sull'equilibrio e sulla plasticità delle posizioni. Il Tai Chi, come del resto il nuoto, la ginnastica nell'acqua e lo yoga, sono forme di esercizio che si possono eseguire lentamente e con dolcezza in modo da non creare ulteriori disturbi. Si tratta di esercizi, particolarmente utili, perciò, nel trattamento dell'artrite, visto che le articolazioni quando non vengono usate tendono a irrigidirsi. 

Esperienze positive
La conferma viene dallo studio, apparso sul Cochrane Database of Systemic Reviews, nel quale i ricercatori hanno passato in rassegna quattro trial caso-controllo, nei quali erano stati esaminati rischi e benefici dei programmi di esercizio che hanno utilizzato il Tai Chi per il trattamento dell'artrite reumatoide. I trial hanno coinvolto oltre 200 persone che hanno praticato la disciplina cinese da otto a dieci settimane non ricevendo nessuna terapia, messi a confronto con pazienti impegnati in esercizi standard. Ebbene il Tai Chi ha evidenziato un blando effetto sulle più comuni misure di severità della malattia come la capacità di praticare le attività quotidiane o il gonfiore delle articolazioni. Ma uno degli studi ha mostrato un significativo miglioramento dalla pratica del Tai Chi per la mobilità dell'anca. E preservare una buona mobilità - osservano i ricercatori - può ridurre le future disabilità. In più i pazienti nei programmi di Tai Chi hanno mostrato maggiore costanza ed entusiasmo rispetto ai gruppi di controllo impegnati in esercizi più tradizionali. Risultati promettenti - commentano i ricercatori - anche se non tali da incontrare il "gold standard" della ricerca scientifica. Per intendersi non è stato osservato alcun miglioramento complessivo per il dolore o la qualità della vita. Ma i pazienti che fanno Tai Chi migliorano la loro mobilità e si divertono. Un risultato da non sottovalutare.

Marco Malagutti


Fonte
Han, A. Cochrane Database of Systemic Reviews, July 19, 2004 online edition; issue 3.



 



Cerca nel sito


Cerca in


Ricette  |  Farmaci  |  Esperto risponde  |
Schede patologie


Cerca il farmaco
Potrebbe interessarti
Troppa Tv mette a rischio la mobilità
Scheletro e articolazioni
12 settembre 2017
News
Troppa Tv mette a rischio la mobilità
Sì allo yoga, ma con attenzione ai dolori vecchi e nuovi
Scheletro e articolazioni
06 settembre 2017
News
Sì allo yoga, ma con attenzione ai dolori vecchi e nuovi
L'esperto risponde