Tonsille da svuotare

20 giugno 2008

Tonsille da svuotare



Tonsille ne asportavano già in epoca romana, tanto che la più antica delle relazioni chirurgiche su questo intervento risale a 2000 anni fa e va attribuita a Celsius. A ricordare la circostanza è uno studio dedicato al confronto tra due differenti metodiche chirurgiche adottate per asportare le tonsille, confronto condotto ai fini di stabilire quale comporti il minor numero di emorragie tardive e il minor dolore per i pazienti nei giorni successivi all'intervento.Uno studio che trova giustificazione anche nel fatto che tutte le tecniche via via proposte nel tempo avrebbero dovuto risolvere proprio questi due inconvenienti. Infatti, se inizialmente, quindi anche ai tempi di Celsio, si procedeva usando una lama, successivamente si è passati all'uso dell'elettrobisturi bipolare o monopolare, al laser, allo scalpello a ultrasuoni e alla radiofrequenza.

Un confronto con l'elettrobisturi...
Ultima in ordine di tempo è arrivata la tonsillectomia intracapsulare, che è in pratica un intervento in endoscopia, eseguito con un microstrumento tubolare che provvede a tagliare e aspirare il tessuto; l'intervento è detto intracapsulare perché viene risparmiato il tessuto esterno della tonsilla (la capsula appunto) evitando di mettere allo scoperto i muscoli della faringe. In pratica la tonsilla viene svuotata e non asportata.I ricercatori, forti del fatto che nella struttura in cui lavorano si impiegano tanto la tecnica intracapsulare quanto quella tradizionale con elettrobisturi hanno valutato quanti casi di emorragia ritardata e in quanti casi il paziente tornava nei giorni successivi al pronto soccorso, lamentando dolore. In totale sono stati arruolati più di 2900 pazienti che necessitavano della tonsillectomia, con o senza rimozione delle adenoidi, a causa di ipertrofia (con disturbi della respirazione), infezioni ricorrenti oppure entrambe. Circa 1700 pazienti sono stati sottoposti all'intervento intracapsulare, poco più di 1200 a quello con elettrobisturi. Prima di illustrare i risultati è bene premettere che quando si parla di emorragia ritardata non si intende a distanza di ore o giorni ma sempre nel corso dell'intervento, magari proprio quando il chirurgo crede di aver terminato. Le emorragie immediate, cioè al momento dell'incisione, sono ormai rare perché usando l'elettrobisturi grazie al calore si ha un'emostasi immediata.

...vinto ai punti
Complessivamente, le emorragie intraoperatorie si sono registrate nell'1,1% dei casi trattati con l'intervento intracapsulare e nel 3,4% degli interventi tradizionali. Analogo vantaggio anche se si analizzarono solo le emorragie che hanno richiesto un ulteriore intervento del chirurgo: 0,5% nell'intracapsulare, 2,1% negli interventi tradizionali. Quanto agli accessi al pronto soccorso dovuti a dolore associato o meno a disidratazione (se fa male la gola è intuitivo che non si beve volentieri) questo è accaduto al 3% dei pazienti sottoposti all'intervento intracapsulare e al 5,4% degli altri. Poiché dal punto di vista dell'efficacia era già stato dimostrato che le due tecniche sono equivalenti, sembrerebbe che in effetti quella più recente offra qualche vantaggio.

Maurizio Imperiali

Fonte
Schmidt R et al. Complications of tonsillectomy: a comparison of techniques. Arch Otolaryngol Head Neck Surg. 2007 Sep;133(9):925-8.




 



Cerca nel sito


Cerca in


Ricette  |  Farmaci  |  Esperto risponde  |
Schede patologie


Cerca il farmaco
Dizionario medico


Potrebbe interessarti
L'esperto risponde