Suggestioni contagiose

20 giugno 2008

Suggestioni contagiose



Non sembri strano ma anche l'autosuggestione è contagiosa. E in tempi di allarme terrorismo è cosa da non sottovalutare. Per esempio, all'interno di un gruppo la convinzione di essere vittima di sostanze tossiche può generare veri e propri sintomi fisici, dal forte mal di testa alla sincope, che si propagano da una persona all'altra come fossero realmente causati da un'intossicazione. Tutto questo in medicina ha un nome: disturbo psicogeno di massa.
Riportato in letteratura anche come "isteria di massa", questo fenomeno è caratterizzato da una costellazione di sintomi che potrebbero avere come causa, ma non ce l'hanno, una disturbo organica. I casi riportati riguardano soprattutto le donne e, frequentemente, gli adolescenti e i bambini. Questa vera e propria "esplosione" di fortissima paura collettiva ha spesso come origine una causa scatenante reale, per esempio un odore. Una diagnosi precoce, cioè identificare subito l'assenza di un vero danno fisico, può aiutare a prevenire la diffusione dei sintomi all'interno della comunità colpita. 
Dal 1973 al 1993 una metà dei casi di disturbo psicogeno di massa riportati negli Stati Uniti si è manifestato in scuole, fabbriche (29%) città e villaggi (10 %), famiglie e altre istituzioni ed è più comune nei gruppi sottoposti a stress fisico o emotivo (per esempio lavoratori impegnati in compiti difficili o rischiosi).
Spesso si manifesta in forma acuta e si estende rapidamente con molti dei sintomi descritti nella tabella, fatta eccezione per l'affanno. In molti casi si riporta anche la comparsa di esantema, sintomo che merita un cenno a parte; infatti l'esantema (eruzione cutanea) si manifesta soprattutto sulle sone di pelle esposte, ragion per cui è molto probabile che le persone suggestionate se lo procurino da sole grattandosi. 

Sintomi predominanti in nove casi di Disturbo Psicogeno di MassaSintomo Percentuale di pazienti (%) Mal di testa 67 Giramento di testa 46 Nausea 41 Crampi e dolori addominali 39 Tosse 31 Debolezza, rallentamento 31 Bruciore alla gola 30 Affanno o difficoltà respiratorie 19 Lucidità degli occhi 13 Dolore toracico 12 Difficoltà di ideazione 11 Vomito 10 Formicolio, parti del corpo come anestetizzate o paralisi 10 Ansia o nervosismo 8 Diarrea 7 Problemi di visione 7Esantema 4Perdita di coscienza, sincope 4Prurito 3

Come si affronta questo particolarissimo disturbo? "In questi casi c'è un non completo controllo della realtà - sottolinea il Professor Carmine Munizza, Presidente della Società Italiana di Psichiatria, e Direttore del Dipartimento di Psichiatria dell'ospedale San Giovanni Bosco di Torino - "dopo aver accertato con diagnosi e analisi di laboratorio che i sintomi non corrispondono ad un'intossicazione, il medico dovrebbe isolare in piccoli gruppi i membri della comunità colpita; tranquillizzarli ma senza negare il disagio avvertito dal paziente, per esempio riconoscendo che è vero che l'eventuale mal di testa è causato da quell'odore, ma sottolineando che forse le persone del gruppo erano anche un po' agitate. Può aiutare i pazienti a riflettere, sdrammatizzando e valutando insieme che cosa sta succedendo e soprattutto facendo in modo che la presenza di un elemento esterno in cui il paziente ripone fiducia serva a ridimensionare l'accaduto".

Fausta Orlando




Cerca nel sito


Cerca in


Ricette  |  Farmaci  |  Esperto risponde  |
Schede patologie


Cerca il farmaco
Dizionario medico


Potrebbe interessarti
Emicrania, nuovi farmaci prossimi all'uso nei pazienti cronici
Mente e cervello
15 settembre 2017
Interviste
Emicrania, nuovi farmaci prossimi all'uso nei pazienti cronici
Ecco perché lo sbadiglio è contagioso
Mente e cervello
14 settembre 2017
News
Ecco perché lo sbadiglio è contagioso
L'esperto risponde