La spesa per gli anziani non spiega tutto

16 febbraio 2005
Focus

La spesa per gli anziani non spiega tutto



La popolazione italiana sta invecchiando e secondo le proiezioni ISTAT continuerà a farlo. Un fenomeno indubbiamente positivo, ma con inevitabili ricadute in ambito sanitario. Gli anziani, infatti investono molto in cure per stare bene e dedicano un'attenzione particolare alla qualità della vita. Ma quanto incide sulla spesa farmaceutica? Se lo è chiesto Vittorio Mapelli, professore di Economia sanitaria presso la Facoltà di medicina e chirurgia dell'Università di Milano, che sull'argomento ha pubblicato un libro con il patrocinio di Farmindustria. La presentazione svoltasi a Milano è stata l'occasione per una tavola rotonda sull'argomento, alla presenza di illustri ospiti tra cui il ministro della Salute Girolamo Sirchia. Molti gli spunti di riflessione e anche le polemiche.

Invecchiamento e consumo di farmaci
I dati - secondo il comunicato di Farmindustria - confermerebbero che la spesa farmaceutica aumenta non tanto per cause indotte dalle industrie quanto per "eventi fisiologici" come può essere l'incremento dell'aspettativa di vita. Ma è veramente così? Lo studio è in effetti piuttosto articolato ed è difficile da interpretare in modo univoco. Certo le industrie - come Sirchia ha avuto modo di sottolineare con una certa verve polemica - giocano comunque un ruolo importante nell'aumento della spesa farmaceutica. Il cuore della ricerca, svolta da Mapelli, riguarda l'analisi dei consumi farmaceutici nel 2000, relativi a una grande Asl del Nord. Tre i punti salienti: l'identikit dei consumatori, l'effetto dell'abolizione del ticket e le proiezioni al 2010. Il primo punto esaminato parte dal presupposto che oggi il Sistema Informativo Sanitario manca di un criterio per suddividere i pazienti. Un fatto che rende più difficile governare la spesa. In riferimento alla Asl presa in esame, gli anziani che numericamente sono il 16% degli assistiti, assorbono il 49,7% delle confezioni e il 46,9% della spesa farmaceutica lorda. La spesa è indotta, evidentemente, in particolare dai malati cronici, che sono il 52,7% dei pazienti. Nell'ambito delle malattie croniche (63,8% di tutta la spesa), l'ipertensione assorbe le maggiori risorse (38,5%), seguita dal diabete (14,9%) e dai tumori (12,3%). E i ticket? La loro abolizione nel 2001, peraltro messa in discussione nel corso della tavola rotonda dallo stesso Enrico Morando, Vicepresidente della Commissione Programmazione economica e bilancio Senato e membro della maggioranza di centro-sinistra che aveva deciso il provvedimento, ha fornito all'autore della ricerca lo spunto per un'analisi dei comportamenti degli assistiti rispetto a questa partecipazione diretta allaspesa. La conclusione è stata che l'elasticità (ossia la reattività che si ha alle variazioni di prezzo) dei consumi all'abolizione del ticket è stata piuttosto bassa. Segno che il grosso della spesa farmaceutica è a domanda rigida e che il provvedimento non ha granché calmierato i consumi. In sintesi: c'era poco da ridurre.

Le proiezioni al 2010
Le proiezioni al 2010 sui consumi e sulla spesa farmaceutica, non sono, dall'analisi di Mapelli, particolarmente rincuoranti. Tenuto conto, infatti, delle variabili in gioco, nello scenario base che prevede un incremento dell'1,4% della popolazione nel decennio e dell'1,8 nella frequenza degli utenti, la spesa farmaceutica lorda aumenterebbe del 9,4%. Ma nelle ipotesi, altamente probabili, anche se gli epidemiologi non si sbilanciano, di un peggioramento delle condizioni di salute, la crescita della spesa raddoppierebbe ulteriormente (+ 18,4%). Il maggiore impulso verrebbe, però, dall'aumento della propensione ai consumi (+ 33,3%) e dall'incremento dei prezzi medi (+83,9%). Sommate così tutte le variabili si arriverebbe nello scenario più pessimistico: cioè un aumento della spesa totale del 142,7%. Uno scenario inquietante da cui emerge che l'invecchiamento della popolazione non è la causa principale dell'aumento della spesa. Un aspetto ripreso da Nerina Dirindin, assessore alla Sanità della regione Sardegna, ed economista sanitaria anche lei, secondo la quale gli anziani sono una risorsa e l'invecchiamento non va drammatizzato. Bisognerebbe invece soffermarsi su alcune gravi lacune del nostro paese in materia di fondo sociale e di assistenza ai non autosufficienti. Sul responsabile dell'aumento della spesa farmaceutica, invece, non ha alcun dubbio il ministro Sirchia. "Le case farmaceutiche non sanno proporre una vera politica del farmaco: chiedono e basta, senza mai prendersi alcun rischio - ha detto il ministro - Non producono nessuna nuova molecola, ma spacciano per innovazione modifiche di molecole vecchie solo per spuntare prezzi più alti". E via di questo passo. Non è mancata la risposta a muso duro del presidente di Farmindustria: "In tre anni questo governo è stato capace di prendere nove provvedimenti a carico dell'industria farmaceutica, sui prezzi o sugli aspetti fiscali". Se queste sono le premesse del dialogo, per politiche di lungo periodo che tengano conto di tutte le variabili in gioco e dei loro effetti futuri, auspicate da Mapelli, non c'è da stare troppo tranquilli.

Marco Malagutti

Fonte
Conferenza stampa, Milano, 14 febbraio 2005



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Salute in rete: il decalogo degli esperti contro le bufale
Salute pubblica
11 maggio 2017
Notizie
Salute in rete: il decalogo degli esperti contro le bufale
La salute sul web tra bufale e verità
Salute pubblica
30 gennaio 2017
Notizie
La salute sul web tra bufale e verità
L'esperto risponde