La medicina questa sconosciuta

06 giugno 2007

La medicina questa sconosciuta



D'accordo sapere ogni dettaglio di una malattia, anche se frequente, non è necessario. In fondo c'è il medico e ci si può affidare alla sua scienza. Ma se si valuta l'aspetto preventivo, un aspetto sempre più valorizzato dai sistemi sanitari, beh allora conoscere quali siano i sintomi caratteristici di una malattia o i suoi fattori di rischio, può essere di vitale importanza. In particolare se si fa riferimento a malattie acute e serie come l'infarto o l'ictus. In casi del genere conoscere questi aspetti può influenzare favorevolmente il decorso della malattia. E non è solo questione di salute. Assumendo che soltanto il 50% del pubblico in generale sia a conoscenza dei sintomi precoci, è chiaro che questo fatto incide anche sugli aspetti economici in modo sostanziale, sia sui costi diretti sia su quelli legati a mortalità e morbilità. Infine l'inconsapevolezza può favorire i comportamenti a rischio. Gli elementi favorevoli di una maggiore consapevolezza da parte dei pazienti non sono pochi perciò. Eppure gli studi condotti ad oggi sull'argomento sono pochi o nulli. Molto si sa sulla relazione tra comportamenti e effetti sulla salute, ma nessuno mai ha testato le conoscenze medico-sanitarie del pubblico. Uno studio svizzero, pubblicato sulla rivista BioMed Central, ha cercato di ovviare a questa lacuna, arrivando a risultati sconfortanti.

Lo studio svizzero
Il presupposto, ottimista peraltro, dello studio è stato che persone con un background medico o comunque costrette per situazioni di vita (personali o di parenti) a confrontarsi con la malattia, abbiano una minima conoscenza medica (mcm) di alto livello. Fissata, perciò, una scala di riferimento da 0 a 100, i ricercatori hanno sottoposto 185 cittadini svizzeri, a un'intervista sottoforma di questionario, aspettandosi anche un effetto sinergico del grado di istruzione dei soggetti intervistati. L'ulteriore ipotesi, cioè, è stata che l'esperienza personale unita al livello di istruzione potenziasse l'mcm. Le conoscenze testate sui soggetti, maschi per il 52% di età media 29 anni, hanno riguardato quattro malattie di importante impatto sul sistema sanitario: infarto miocardico, ictus, bpco e Hiv. Le domande erano del tipo: come ci si può proteggere dall'Hiv? Quali sono i sintomi di un infarto? Le risposte sono state piuttosto sconfortanti. Tanto che lo score medio di mcm raggiunto è stato del 32% e che nessuno ha raggiunto il 100%. Come a dire che la laurea, il background medico o l'esperienza personale di una malattia aumentano le conoscenze personali solo in maniera minima. Un segnale del fatto, osservano gli autori, che quando si è pazienti si preferisce affidarsi a persone di provata fiducia piuttosto che reperire informazioni personalmente. Niente di più sbagliato, concludono gli autori. Sebbene il campione di riferimento sia piccolo e riguardi un paese altrettanto piccolo, si tratta pur sempre della Svizzera dove teoricamente l'accesso alle informazioni mediche è molto incoraggiato. Eppure il campione scelto vantava soltanto un terzo delle conoscenze richieste. Peraltro già studi del passato e focalizzati su singole malattie avevano evidenziato una significativa incidenza tra i soggetti con titoli di studio elevati. E persino gli economisti che invitano costantemente alla razionalizzazione della spesa medica, hanno evidenziato in un recente studio di ignorare in larga maggioranza che cosa fosse il test del PSA. Come a dire che anche chi predica bene...

Marco Malagutti

Fonte
Bachmann LM et al. Do citizens have minimum medical knowledge? - A survey. BMC Medicine 2007, 5:14



Cerca nel sito


Cerca in


Farmaci  |  Esperto risponde  |


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Italia in prima linea contro le “malattie della povertà”
Salute pubblica
13 marzo 2017
Interviste
Italia in prima linea contro le “malattie della povertà”
La salute sul web tra bufale e verità
Salute pubblica
30 gennaio 2017
Focus
La salute sul web tra bufale e verità
L'esperto risponde