I vizi della vecchia Europa

11 settembre 2003

I vizi della vecchia Europa



Non ha problemi di sopravvivenza e suscita l'invidia di paesi ancora sottosviluppati, ma fa di tutto per distruggere il benessere che ha conquistato. Sembra questo il ritratto dell'uomo moderno, occidentale, evoluto che si ammala a causa degli stili di vita che lui stesso ha creato.
E la vecchia Europa accusa: i colpevoli sono noti da tempo e stanno diventando sempre più pericolosi.

Tabacco
L'uso del tabacco è la maggiore causa di morti evitabili, responsabile di circa mezzo milione di decessi ogni anno. Non solo. Il fumo causa il 90% dei carcinomi polmonari, l'80% delle patologie croniche-ostruttive dei polmoni e il 25% delle morti per cardiopatie.
Negli ultimi 30 anni la percentuale di fumatori si è ridotta dal 45 al 30% nella popolazione adulta; tuttavia il trend globale è relativamente costante, con solo un lieve declino dagli anni '90 ad oggi.
Nel 2001 fumavano il 38% degli uomini e il 23% delle donne, pur con ampie differenze di numeri all'interno dei singoli stati. Tra i giovani il vizio coinvolgeva il 27-30% dei soggetti, una quota leggermente in rialzo e che, comunque, non ha registrato flessioni dalla seconda metà degli anni '90 ad oggi.

Alcool
I danni indotti dall'abuso di alcool sono distinguibili in due tipologie: diretti e indiretti.
Quelli diretti ricadono sul singolo bevitore e comportano un aumentato rischio di morbilità e mortalità connesse con malattie come cirrosi epatica, alcolismo, psicosi alcolica, gastrite, miopatia e polinevrite, apoplessia cerebrale, sindrome alcolica fetale e tumori.
Quelli indiretti, invece, ricadono sul singolo e anche sulla comunità comprendendo: violenza verso se stessi e gli altri, suicidio, crimini, problemi familiari, disagio ed esclusione sociale, incidenti, inclusi quelli stradali causati dall'ubriachezza alla guida. 
Nel mercato europeo, il carico di patologie e lesioni attribuibile all'alcool si attesta tra l'8 e il 10% del totale, mentre una quota considerevole (40-80%) di tutti i decessi per lesioni intenzionali e non, è dovuta all'abuso di alcool. Il consumo pro-capite di alcolici in Europa è il più alto al mondo, anche se poi varia moltissimo a livello nazionale, e preoccupa maggiormente che sia in crescita nei giovani. L'eccessivo consumo di alcool, infatti, e i danni che ne conseguono (ubriachezza, comportamenti compulsivi, disagio sociale) sono sempre più comuni tra gli adolescenti e i giovani. 

Sovrappeso e obesità
Vale a dire quando l'indice di massa corporea supera rispettivamente 25 e 30: una situazione che riguarda tutte le fasce d'età e sta assumendo i caratteri di una vera e propria epidemia. Indipendentemente da fattori genetici individuali, infatti, la piaga europea risiede in un eccessivo apporto energetico abbinato a scarsa attività fisica, sin dall'infanzia. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, l'esercizio fisico anche minimo è disertato dalla maggioranza della popolazione. Ancora più grave la situazione dei bambini: il sovrappeso accumulato in tenera età si mantiene una volta adulti, perché si riducono ulteriormente le occasioni di movimento e aumenta la disponibilità di cibi e bevande ipercalorici. Non c'è equilibrio insomma tra le calorie introdotte e quelle effettivamente spese.
I meccanismi cerebrali di regolazione non riescono a limitare l'appetito in maniera sufficiente e si aumenta di peso; nel tempo poi l'organismo si stabilizza sul peso raggiunto e i meccanismi centrali finiscono addirittura per opporsi al dimagrimento.
A livello mondiale si considera che il 20% delle cardiopatie sia collegato all'obesità, così come il 40% dei carcinomi uterini, il 25% dei tumori renali, il 10% del cancro al seno e al colon, mentre per il diabete la responsabilità è del peso eccessivo nell'80% dei casi.
Per tutti questi motivi l'obesità incide per il 10% sui costi sanitari totali delle nazioni europee, rappresenta una delle principali cause di morte prematura ed è responsabile, ogni anno, di un terzo degli anni di vita compromessi da disabilità varie.
E non è solo una questione di chili: alimentazione sbilanciata e scarsa attività fisica incidono anche sulla comparsa di altre patologie croniche. L'ipertensione per consumo eccessivo di sale, l'osteoporosi per apporto inadeguato di calcio e vitamina D, l'anemia e altre malattie indotte da carenza di ferro, le patologie della tiroide legate a deficienza di iodio.

Elisa Lucchesini


Fonti
Conferenza "Stili di vita salutari - Educazione, Informazione e Comunicazione" Milano 3-4 settembre 2003


 



Cerca nel sito


Cerca in


Ricette  |  Farmaci  |  Esperto risponde  |
Cerca il farmaco
Potrebbe interessarti
Italia in prima linea contro le “malattie della povertà”
Salute pubblica
13 marzo 2017
Interviste
Italia in prima linea contro le “malattie della povertà”
La salute sul web tra bufale e verità
Salute pubblica
30 gennaio 2017
Focus
La salute sul web tra bufale e verità