Sviste invisibili

03 novembre 2006

Sviste invisibili



I medici qualche volta sbagliano. Non si tratta di malasanità o di problemi solo italiani, ma di natura umana. Come già osservava Umberto Eco, viviamo nell'epoca della tecnologia e ci siamo abituati a identificarla con scienza e medicina: solo che le seconde, per la loro natura umana, sono naturalmente soggette al fallimento e la prima no. Se a questo aggiungiamo che nessun argomento come la salute ci tocca così da vicino e in maniera così importante, è facile capire come mai diventi sempre più difficile accettare che un medico si possa sbagliare. Ma purtroppo avviene; i medici stessi ne sono consapevoli e ci sono gruppi di ricercatori che si occupano di identificare gli sbagli più frequenti e di trovare dei metodi efficaci per prevenirli.Gli errori possono avvenire in diverse fasi e ambiti con conseguenze molto differenti tra loro: una prescrizione sbagliata, per esempio, rappresenta uno sbaglio facilmente identificabile, è provata da una documentazione scritta e raramente comporta ripercussioni gravi e irreversibili sul paziente. Invece una diagnosi errata, eseguita in ritardo o peggio ancora il mancato riconoscimento di una patologia seria può risultare in conseguenze gravissime, qualche volta irreversibili, ed è difficilmente identificabile perché implica il rintracciare a posteriori di qualcosa che è sfuggito all'osservazione del clinico o che non è stato possibile evidenziare, e che quindi nelle cartelle mediche non c'è.

Un aiuto dalle cause legali
Un gruppo di ricercatori americani, si è recentemente proposto di quantificare il numero di diagnosi errate negli ambulatori degli Stati Uniti e di risalire ai fattori che hanno determinato il fallimento basandosi sulle documentazioni allegate alle cause legali intentate ai medici.Dal materiale disponibile - 307 cause legali - il 59% riguardava problemi di diagnosi. Tra queste, il 59% era associato a gravi conseguenze e il 30% aveva avuto come esito finale il decesso del paziente.Il 59% delle diagnosi sbagliate si riferiva a casi di tumore, principalmente di cancro al seno e al colon ed i motivi più comuni di diagnosi sbagliata erano la mancata prescrizione di esami diagnostici (55% dei casi), la carenza di un adeguata programmazione di visite di controllo (45%), la scarsa ricostruzione della storia clinica del paziente o l'esecuzione di visite poco approfondite (42%) e l'interpretazione sbagliata dei test diagnostici (37%).Una prima considerazione deve riguardare l'ambito in cui si osserva il maggior numero di diagnosi errate: il cancro al seno e al colon sono tra le neoplasie più frequenti e probabilmente questo dato deriva dalla loro massiva presenza nella popolazione piuttosto che da un effettiva difficoltà nel riconoscerli. A parte questo, dai dati disponibili emerge che le cause di errore sono più di una e incorrono in momenti diversi del processo di diagnosi. Era lecito aspettarsi questo risultato: l'iter che porta all'identificazione della malattia è complesso, lungo e coinvolge spesso più di una figura professionale e quanto più un procedimento è ramificato tanto maggiori saranno le probabilità che si verifichino sbagli, interruzioni o anche solo incompletezze nel flusso di informazioni.Gli autori concludono chiedendosi se sarà possibile trovare un rimedio a breve-medio termine. Difficile dirlo: di sicuro il fatto di aver identificato i momenti maggiormente a rischio può aiutare la programmazione di interventi risolutivi.

Raffaella Bergottini


Fonte
Gandhi TK et al. Missed and delayed diagnoses in the ambulatory setting: a study of closed malpractice claims. Ann Intern Med. 2006 Oct 3;145(7):488-96




Cerca nel sito


Cerca in


Farmaci  |  Esperto risponde  |


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Italia in prima linea contro le “malattie della povertà”
Salute pubblica
13 marzo 2017
Interviste
Italia in prima linea contro le “malattie della povertà”
La salute sul web tra bufale e verità
Salute pubblica
30 gennaio 2017
Focus
La salute sul web tra bufale e verità
L'esperto risponde