Quando il solvente dà assuefazione

20 giugno 2008

Quando il solvente dà assuefazione



Lo spiccato interesse degli studenti delle scuole elementari per l'argomento, ha spinto i ricercatori del Laboratorio Nazionale di Brookhaven a indagare sugli effetti dell'inalazione di sostanze chimiche volatili, usate come droghe cosiddette inalanti. Il fenomeno, che in slang si chiama "huffing", consiste nell'inalazione di prodotti contenenti solventi, come vernici, colle e altri prodotti di uso domestico; l'effetto stupefacente è dato alcuni composti chimici tra cui il toluene, ampiamente usato a livello industriale.

Come agisce il toluene
I ricercatori sono stati in grado di produrre immagini che evidenziavano la localizzazione del toluene nel cervello e nell'organismo di cavie da laboratorio; la molecola è stata marcata, dai chimici dell'equipe, sostituendo un atomo di carbonio con un isotopo radioattivo, il C-11. Una volta iniettata la sostanza (e non fatta inalare, per controllarne meglio il dosaggio), una camera tomografica a emissione di positroni, che registra i segnali radioattivi, ha permesso di misurare il livello di radioisotopi in tutte le aree cerebrali e corporee.
I risultati hanno sorpreso gli stessi ricercatori: il toluene agisce nelle zone del cervello in cui risiedono i centri corrispondenti alle sensazioni di piacere e di appagamento, proprio dove agiscono altre droghe come la cocaina; cade quindi la teoria finora accreditata di aspecificità dei solventi secondo la quale gli inalanti si distribuivano omogeneamente. Successivamente il toluene diffonde nel resto del cervello e viene poi eliminato dall'organismo attraverso i reni.

La droga dei poveri
Secondo i ricercatori, l'affinità per le aree cerebrali associate alle sensazioni di piacere e appagamento, come pure la rapida ricaptazione e evacuazione, e quindi la breve durata dell'effetto stupefacente spiegherebbero l'abuso di tali sostanze. Inoltre la specificità per le stesse aree bersaglio di droghe che danno dipendenza giustifica l'assuefazione nonché i disturbi sistemici a cui vanno incontro gli abituali consumatori: i cambiamenti che si verificano nelle zone colpite interrompono i normali processi di apprendimento e memoria più velocemente di altre droghe.
La tecnica di marcatura e monitoraggio sperimentata nella ricerca apre prospettive interessanti nell'identificazione degli effetti di un vasta gamma di solventi comunemente presenti nei prodotti per la pulizia, fino alla lacca per capelli; ragion per cui nessuno può ritenersi indenne da queste sostanze.

Simona Zazzetta


Fonti
Eurekalert 15 aprile 2002

Gli inalanti e altre droghe

Tossicologia delle sostanze volatili





Cerca notizie e approfondimenti in:

Cerca nel sito


Cerca in


Ricette  |  Farmaci  |  Esperto risponde  |
Cerca il farmaco
L'esperto risponde
Potrebbe interessarti
In giardino senza rischi: ecco il decalogo degli esperti
Scheletro e articolazioni
26 maggio 2017
News
In giardino senza rischi: ecco il decalogo degli esperti
Muffin alla banana con cioccolato e noci
Alimentazione
26 maggio 2017
Ricette
Muffin alla banana con cioccolato e noci
Gatto, intelligente come un cane
Mente e cervello
25 maggio 2017
News
Gatto, intelligente come un cane