Meno peso più salute

20 settembre 2006
Focus

Meno peso più salute



Parliamo ancora di obesità e di alimentazione. Il motto scelto per l'Obesity day 2006, sesta Giornata nazionale di sensibilizzazione su sovrappeso e salute promossa dall'Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica (ADI), sembra proprio un'esortazione necessaria, perché non si riesce ancora a incidere a sufficienza rispetto all'educazione alla prevenzione, e l'obesità è tuttora sottovalutata mentre andrebbe affrontata e curata con un approccio integrato e multidisciplinare. Il problema non è forse grave come Oltreoceano, ma bisogna correre al riparo anche da noi, se è vero che il 33% degli italiani è sovrappeso e il 9% obeso (questi ultimi solo dal 1994 al 1999 sono aumentati del 25%), soprattutto che è troppo grasso circa il 20% dei bambini e adolescenti, con prevalenze che variano dal 12 al 32% a seconda delle zone, e metà di quelli obesi lo sarà anche da adulto. Ed è un fenomeno d'importanza sia clinica sia socio-economica, considerando per esempio per il nostro paese una stima di costi diretti annui per l'obesità e le patologie correlate di circa 22,8 miliardi, oltre la metà dei quali per l'ospedalizzazione: l'obesità è infatti una malattia cronica ed è madre o fattore di rischio di altre condizioni oggi diffuse, come diabete, sindrome metabolica, cardiovasculopatie, tumori, patologia articolare, pancreatiti, steatosi epatica. A questo proposito è stato anche ripresentato un disegno di legge dal senatore UDC Mauro Cutrufo per riconoscere gli obesi come portatori di handicap ai quali garantire diritti e servizi ad hoc.

Curare la nutrizione dall'infanzia
La Giornata dell'ADI, in collaborazione con Bracco, indetta il 10 ottobre, prevede l'accesso gratuito a 160 Centri del Ssn e convenzionati e Servizi di dietetica e nutrizione clinica interni a strutture pubbliche (l'elenco è sul sito www.obesityday.org) per ricevere informazioni, documentazioni e questionari sull'argomento: da quelli delle edizioni precedenti il sovrappeso risulta ancora percepito più come problema estetico che di salute, e paradossalmente una preoccupazione maggiore per chi è normopeso, oltre che soprattutto femminile; la dieta non è considerata un atto medico e spesso non si basa su consigli professionali, un fai da te che riguarda anche i trattamenti; quasi metà poi non svolge attività fisica. L'allarme maggiore riguarda ovviamente i bambini, da noi come altrove: d'altra parte negli Stati Uniti l'obesità infantile è quasi triplicata dagli anni Settanta e si calcola che i baby consumatori siano bersagliati ogni anno da quattromila pubblicità televisive di dolciumi, snack salati e bibite, cioè quel "junk food" o cibo spazzatura che fornisce il 30% del loro apporto calorico giornaliero. In America, dove scarseggiano persino le possibili reclute per via dell'obesità, lo stesso Congresso valuta interventi legislativi e si sono tentate iniziative come maggiore tassazione di alimenti tipo merendine, il divieto di venderli vicino agli edifici scolastici, la promozione dell'uso della bici per recarsi a scuola; i risultati finora sono scarsi e la controffensiva dell'industria alimentare forte: c'è però chi vuole "discolparsi", come la McDonald's che oltre a offrire cibi più sani contribuisce ora con due milioni di dollari alla ricerca anti-obesità. Le strategie preventive come sottolinea uno studio del Congresso devono comunque puntare a un aumento delle conoscenze in tema di alimentazione per favorire l'acquisto informato, per sé e per i figli, e va coinvolta anche la scuola. In questo discorso si possono inserire idee come quella dell'Italian obesity network di realizzare "ipermercati sostenibili" con percorsi salute dal parcheggio e pubblicità di cibi mediterranei, o la formazione di chef nutrizionisti: l'importante è contrastare la globalizzazione alimentare su modelli sbagliati.

Elettra Vecchia

Fonte
Conferenza stampa Obesity day del 14 settembre 2006, Milano, Circolo della stampa.

 







Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Schede patologia


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Il rischio di diabete di tipo 1 potrebbe dipendere anche dalla vitamina D
Diabete tiroide e ghiandole
24 novembre 2017
Notizie
Il rischio di diabete di tipo 1 potrebbe dipendere anche dalla vitamina D
Giornata mondiale del diabete: la prevenzione è la cura più efficace
Diabete tiroide e ghiandole
13 novembre 2017
Notizie
Giornata mondiale del diabete: la prevenzione è la cura più efficace
Dia Day: al via campagna di prevenzione del diabete in farmacia
Diabete tiroide e ghiandole
06 novembre 2017
Notizie
"Dia Day": al via campagna di prevenzione del diabete in farmacia
L'esperto risponde