Più sani più sicuri

27 aprile 2007

Più sani più sicuri



Sono circa 14 milioni i bambini obesi e in sovrappeso in Europa, e l'Italia non è esente dal problema perché vede in sovrappeso circa il 30% dei bambini tra i sette a gli 11 anni. E le soluzioni? Difficile trovarne una. Il problema, come spiegavano gli esperti all'ultimo Obesity Day, è che non si riesce ancora a incidere a sufficienza rispetto all'educazione alla prevenzione, e l'obesità è tuttora sottovalutata, mentre andrebbe affrontata e curata con un approccio integrato e multidisciplinare. Una proposta in questa direzione arriva dalla Gran Bretagna e una notizia appena pubblicata dalla BBC Health ne enfatizza i buoni risultati. Il programma in questione si chiama Mend, ossia Mind, Exercise, Nutrition, Do-it! (Mente, Esercizio, Nutrizione, Fallo!) e in una frase si potrebbe riassumere con "Elimina il cibo spazzatura e muoviti di più". Sembra banale, ma, a giudicare dall'articolo, sembra anche efficace.

I risultati del trial
A parlare sono i risultati. Un anno dopo il programma durato nove settimane, i bambini coinvolti tra gli otto e i 12 anni si sentivano più sani e più sicuri. I dettagli del programma, che è stato sperimentato in 100 aree sparse per la Gran Bretagna, sono stati presentati alla conferenza sull'obesità appena svoltasi a Budapest. E uno degli esperti sottolinea come il modello potrebbe dare un contributo essenziale nella lotta all'obesità infantile. Un problema che nel Regno Unito ha la stessa portata che alle nostre latitudini con il 30% dei bambini in soprappeso o obesi. Ma come funziona nel dettaglio? Il trial sperimentale ha visto coinvolti 107 bambini moderatamente obesi. Metà dei coinvolti ha seguito il programma, l'altra metà non ha subito alcun intervento. A sei mesi dall'inizio i bambini nel programma avevano ridotto il girovita di 4 cm in media, rispetto agli altri. E anche l'indice di massa corporea era di due punti inferiore, mentre le ore settimanali in più di attività fisica erano almeno tre. In più i bambini hanno rivelato un tasso di sicurezza superiore del 10%. Un risultato soddisfacente non c'è che dire, ma come è stato ottenuto?

Le caratteristiche del programma
Il Mend, questa la sua caratteristica più eclatante, coinvolge l'intera famiglia e vorrebbe insegnare sia ai genitori sia ai bambini abitudini sane e comportamenti corretti relativi all'alimentazione e all'attività, aiutando i bambini a vedere l'attività fisica come divertimento. Uno dei giovani sottoposti al Mend, che attualmente riguarda al di fuori del trial sperimentale un migliaio di persone, si chiama Matthew Williams ha ora 16 anni, ma ne aveva 11 all'inizio del programma, e ha sottolineato, interpellato dalla BBC, come il coinvolgimento della madre gli abbia dato tranquillità. E la madre a sua volta sottolinea come il programma preveda lezioni su nutrizione e dieta nonché sulle tabelle dei cibi in modo da poter controllare quanti grassi e zuccheri vengano introdotti. Un modo per trasferire consapevolezza. E non è solo questione di peso, sottolineano i responsabili del Mend. Il peso è uno degli aspetti misurati, non l'unico. Insieme vengono valutati anche fitness e benessere e i risultati nel tempo non fanno che migliorare, spiegano quelli della BBC. Il pregio probabilmente risiede proprio nell'unione di cibo e psicologia, sostiene una delle esperte consultate, Louise Diss dell'Obesity and Awareness and Solution Trust. Il costo del programma è di 11 milioni di sterline, ma il costo sociale dell'obesità è di sette miliardi di sterline l'anno, precisano gli esperti. E se fosse davvero un problema di educazione e prevenzione?

Marco Malagutti

Fonte
BBC Health, 24 aprile

 







Cerca nel sito


Cerca in


Ricette  |  Farmaci  |  Esperto risponde  |
Schede patologie


Cerca il farmaco
Potrebbe interessarti
Tumore della tiroide: il punto di vista dei pazienti
Diabete tiroide e ghiandole
13 aprile 2017
Interviste
Tumore della tiroide: il punto di vista dei pazienti
Sale: poco e iodato a difesa di cuore e tiroide
Diabete tiroide e ghiandole
10 aprile 2017
Focus
Sale: poco e iodato a difesa di cuore e tiroide
L'esperto risponde