Il peso della paternità

10 ottobre 2008
Focus

Il peso della paternità



Nei paesi occidentali circa il 15% delle coppie è affetto da infertilità e in quasi metà dei casi è coinvolta la metà maschile. Se il figlio non arriva per problemi legati a lui, un fattore di rischio diffuso nelle nostre realtà e da tenere presente è anche l'obesità, che sarebbe responsabile o corresponsabile in uomini senza altre cause d'infertilità. Un'ipotesi che si è andata rafforzando dopo varie osservazioni e ricerche che hanno indirizzato verso meccanismi ormonali, con ulteriori conferme e spiegazioni che arrivano ora da uno studio pubblicato su Fertility and Sterility. La chiave sarebbe l'inibina B, un ormone prodotto dalle gonadi (maschili e femminili), i cui livelli erano già emersi come inversamente correlati all'indice di massa corporea (BMI) in donne obese e infertili.

Gli ormoni diminuiti e quelli aumentati
Già si sapeva che gli uomini obesi presentano alterazioni dei livelli circolanti di ormoni steroidei sessuali, cioè diminuite concentrazioni di testosterone (T) totale e di una sostanza detta globulina legante gli ormoni sessuali (SHBG), e al contrario aumentate di estrogeni. Sempre in uomini obesi si è osservato un calo di altri due ormoni, il follicolostimolante (FSH) che concorre a far maturare gli spermatozoi e l'inibina B che inibisce il rilascio del primo dall'ipofisi con un meccanismo detto di feedback negativo. L'inibina B, un ormone glicoproteico, si è andata evidenziando come un nuovo sensibile marcatore della spermatogenesi: in uomini affetti da criptorchidismo, per esempio, è risultata molto diminuita così come lo è la fertilità, ed è stata indicata quale possibile marker al tempo stesso di malfunzionamento dei testicoli e di capacità procreativa. Infine, e qui arriviamo al nuovo studio, ridotti livelli di T, SHBG e del rapporto T/SHBG sono stati dimostrati in uomini infertili obesi rispetto a infertili non obesi e a fertili obesi. Gli autori, dell'Università della Pennsylvania, hanno così cercato di chiarire quest'intreccio di relazioni. Hanno esaminato 87 uomini dai 19 ai 48 anni, con BMI che variavano da 16 a 47, quindi da magri a francamente obesi, 57 dei quali avevano avuto figli con precedenti partner o con l'attuale. Primo dato, gli uomini che erano diventati padri presentavano BMI significativamente inferiori rispetto ai non padri. Inoltre, tanto maggiore era il peso quanto minore erano il testosterone ematico e l'inibina B, e invece aumentato l'estrogeno. Non c'era correlazione tra BMI e caratteristiche del seme (densità di spermatozoi, volume, motilità, forma), lo stesso per i livelli di inibina B tranne una significativa con la motilità spermatica.

Trasformazione enzimatica nel tessuto adiposo
I dati in sostanza indicano negli uomini obesi un parziale ipogonadismo da scarse gonadotropine (tale è l'FSH), basato su ridotto FSH e relativa alterazione della produzione spermatica. Il meccanismo ipotizzato coinvolge un enzima nel tessuto adiposo (aromatasi) che trasforma precursori degli steroidi sessuali in estrogeni: se il tessuto adiposo aumenta di conseguenza aumenta la trasformazione, come dimostrano i livelli diminuiti di testosterone e aumentati di estrogeno negli obesi, nei quali inoltre la minore concentrazione di SHBG potrebbe portare a una maggiore biodisponibilità dell'ormone maschile (perché si lega di preferenza a questo). Livelli alterati degli steroidi sessuali potrebbero agire a feedback cioè sopprimere a monte (c'è un asse ipotalamo-ipofisi-gonadi) il rilascio di gonadotropine, specie l'FSH. E i valori di inibina B riscontrati nello studio supportano un'inibizione a livello dell'ipofisi. I meccanismi biochimici coinvolti sono complessi e da indagare ulteriormente, ma quello che si può comunque concludere è che dallo studio esce rinforzata l'ipotesi che l'obesità maschile sia un fattore di rischio d'infertilità; tra l'altro è stata associata anche con riduzione della libido e con la disfunzione erettile. I fattori di rischio certo sono vari, ma se si vuole procreare è meglio intanto tenere il peso sotto controllo: vale per uomini e donne.

Elettra Vecchia

Fonti
Pauli E.M. e coll. Diminished paternity and gonadal function with increasing obesity in men. Fertility and Sterility vol. 90 N.2 Agosto 2008.




Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Schede patologia


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Diabete, la prevenzione arriva in farmacia
Diabete tiroide e ghiandole
08 gennaio 2018
Notizie
Diabete, la prevenzione arriva in farmacia
Diabete: è emergenza mondiale nelle città
Diabete tiroide e ghiandole
31 dicembre 2017
Notizie
Diabete: è emergenza mondiale nelle città
Vivere in città. I rischi per la salute
Diabete tiroide e ghiandole
28 dicembre 2017
Notizie
Vivere in città. I rischi per la salute
L'esperto risponde