Rischi da ospiti domestici

07 novembre 2007

Rischi da ospiti domestici



Dai bambini agli anziani, gli animali da compagnia fanno bene all'umore: la medicina li ha addirittura promossi al ruolo di pet-therapy e si è discusso se ammetterli in corsia. Tanto beneficio non deve però far dimenticare qualche possibile rischio infettivo e le relative cautele da adottare. Negli Stati Uniti per esempio risultavano già nel 1987 circa quattro milioni di infezioni all'anno causate da animali da compagnia, questi ultimi presenti in oltre metà famiglie. Zoonosi trasmesse da cani, gatti e altri ospiti domestici, compresi quelli esotici di moda, e dovute a parassiti, batteri, virus, anche funghi (micosi cutanee da Tinea per contatto specie con gatti) e artropodi (dermatosi da acaro della scabbia per contatto specie con cani). Una breve rassegna delle situazioni più frequenti viene pubblicata dalla rivista dei medici di famiglia americani, che ricorda come la maggior parte di queste infezioni - termine usato qui non solo per batteri e virus - siano prevenibili con un po' di prudenza.

Elenco nutrito per parassiti e batteri
Comune è la toxoplasmosi, per ingestione di oocisti di Toxoplasma gondii emesse con le feci dai gatti, o trasportate col muso dai cani: di solito asintomatica, può dare linfoadenopatia cervicale e un quadro simile alla mononucleosi, possono insorgere però infezioni severe negli immunocompromessi e in donne in gravidanza (che puliscono per esempio le lettiere) con un'infezione congenita. Altro caso è la toxocariosi da Toxocara canis e cati, da ingestione (per esempio nei bambini piccoli) di uova di questo verme emesse con le feci sul suolo; la forma è di solito asintomatica ma il parassita può migrare a fegato o polmoni (larva migrante viscerale) o anche all'occhio (larva migrante oculare). C'è anche la larva migrante cutanea, dovuta a uova di Anchilostomi liberate con feci canine e feline e che possono penetrare attraverso la cute (per esempio camminando a piedi nudi), provocando papule con prurito e rash eritematoso. Ricollegabili sempre a feci di cani (infettati mangiando visceri di altri animali) sono l'Echinococcosi o idatidosi causata dal verme E.granulosus, asintomatica con possibile sviluppo di dolori addominali e toracici e disturbi in altri distretti, e l'Echinococcosi alveolare da E.multilocularis, che colpisce il fegato e può essere confusa con l'epatocarcinoma; inoltre malattia da Cryptosporiodium o da Giardia lamblia, con insorgenza di diarrea, o dal verme Dipylidium caninum attraverso le pulci, con assenza di sintomi o dolori addominali.Tra i batteri, frequenti le infezioni da Campylobacter, trasmesse da vari "pet" presumibilmente per contatto feco-orale (200 mila casi annui di gastroenterite negli USA), così come da Salmonella comune oltre che in cani e gatti in polli, anatre, tartarughe, iguane: in entrambi i casi diarrea e febbre le conseguenze. La malattia da graffio di gatto è causata dal germe Bartonella henselae, consiste in una linfoadenopatia che dà complicanze negli immunocompromessi; la leptospirosi è trasmessa attraverso acqua o suolo con urina contaminata di vari animali (spesso cani), è asimtomatica o similinfluenzale ma possono insorgere febbre alta, itterizia; la malattia di Lyme è dovuta alla Borrelia burgdorferi trasmessa dalle zecche, produce eritema migrante, febbre, dolori artro-muscolari e può cronicizzate; la psittacosi è causata dalla Chlamydia psittaci veicolata da pappagalli e altri uccelli. E ancora, infezioni da Staphylococcus aureus, Pasteurella, Brucella canis, la tularemia via zecche del gatto, il granuloma via pesci da acquario contaminati da Mycobacterium marinum. Un cenno ai virus: quello della rabbia veicolato da cani e gatti (raramente rispetto ad animali selvatici) con insorgenza di encefalite; l'agente della coriomeningite linfocitica trasportato da criceti e altri roditori, responsabile di una similinfluenza e forme severe negli immunocompromessi; quello del vaiolo delle scimmie dovuto a contatto con roditori infetti e che dà febbre, cefalea e altri sintomi.

Come prevenire
La prevenzione delle zoonosi passa prima di tutto dal controllo veterinario di routine del proprio animale di compagnia. A sua volta il padrone dev'essere prudente, specie in certe situazioni: per esempio contro il rischio di toxoplasmosi è meglio che le gestanti non adottino gatti randagi o li nutrano o maneggino lettiere; soggetti immunocompromessi, bambini piccoli, anziani e ancora donne in gravidanza non dovrebbero stare a contatto con cuccioli, animali malati, specie come rettili domestici o anatroccoli, e particolare cautela ci vuole in ambienti come zoo e fattorie. L'uso di acaricidi topici per i cani in zone endemiche per le zecche può ridurre il rischio e sarebbe meglio non nutrire cani e gatti con carne cruda per ridurre la trasmissione di patogeni. Per avere solo l'animale da compagnia, senza intrusi.

Elettra Vecchia

Fonte
Peter M. Rabinowitz et al. Pet-Related Infections. Am Fam Physician 2007;76:1314-22.







 



Cerca nel sito


Cerca in


Ricette  |  Farmaci  |  Esperto risponde  |
Schede patologie


Cerca il farmaco
Dizionario medico


Potrebbe interessarti
Le novità del decreto legge sui vaccini
Malattie infettive
24 maggio 2017
Focus
Le novità del decreto legge sui vaccini
L'esperto risponde