Integrare le chiome

17 settembre 2004
Focus

Integrare le chiome



Esistono integratori intelligenti? Sembrerebbe di sì a giudicare da una conferenza stampa svoltasi questa mattina a Milano,dove è stato presentato il primo rinforzante per capelli per via nutrizionale a base di taurina,catechine e zinco. Del resto, lo ha detto il Ministero della Salute nelle sue ultime disposizioni, un integratore per essere assunto tranquillamente deve rispondere a criteri di selettività e specificità degli ingredienti ed essere studiato e validato scientificamente. E' il caso di questo nuovo integratore?

Taurina, catechine e zinco
Una premessa è dobbligo. Lintegrazione alimentare è una componente essenziale per il mantenimento del proprio benessere. Una parte consistente della popolazione italiana (tra il 5 e il 20%), secondo i dati presentati da Claudio Cricelli, presidente della SIMPeSS, assume quantità insufficienti di molti micronutrienti e quasi metà dellintera popolazione ha una carenza rilevante di almeno uno di quelli più necessari alla salute. Ma lintegratore per essere assunto con successo deve essere mirato e selettivo, con dosaggi sufficienti a raggiungere il risultato biologico e adeguati al fabbisogno di ciascuna persona. Ma che ruolo hanno gli integratori sui capelli? Numerosi studi scientifici - come illustrato da Antonella Tosti, della Clinica Dermatologica dellUniversità diBologna - dimostrano la correlazione tra stato di nutrizione e stato dei capelli. In particolare è ben noto il ruolo degli aminoacidi sicuramente indispensabili alla costruzione del capello. Tra questi spicca proprio la taurina, uno degli ingredienti dellintegratore, di cui è stato evidenziato il ruolo protettivo svolto sul bulbo pilifero. Limportanza della taurina per la cute e gli annessi cutanei - ha spiegato Alessandra Bordoni, Centro Ricerche sulla Nutrizione dellUniversità di Bologna - potrebbe derivare dalla sua funzione regolatrice, fondamentale nel mantenimento dellomeostasi, del volume cellulare e dellidratazione dei capelli. Uno studiodelleffetto della taurina sulle cellule epiteliali di follicolo pilifero umano in coltura ha inoltre evidenziato come la presenza di taurina, N-metiltaurina e alanina determini un significativo aumento della proliferazione cellulare. Da non sottovalutare poi il ruolo dei polifenoli o catechine che si trovano in tutti i vegetali e nella frutta, oltre che inalcuni derivati come tè, caffè, vino, olio di oliva. Si tratta, infatti, di preziosi antiossidanti che rivestono un ruolo importante per la difesa dellorganismo dallo stressossidativo e dal danno dovuto a radicali liberi. Infine anche i minerali come lo zinco svolgono funzioni importantissime. Una carenza di zinco è causa frequente, specie nella donna, di telogen effluvio cronico. Dal test di valutazione è stato identificato che la miscela dei tre ingredienti ai tre mesi rallenta la caduta dei capelli. A sei mesi la stessa caduta è significativamente frenata rispetto al placebo. Risultati confermati anche dallautovalutazione dei soggetti. Infine la conferma dellefficacia anti-caduta è stata dimostrata dalla tricoanalisi: visto che l84% dei capelli raccolti sono in fase telogen, il periodo, cioè, in cui il capello cessa ogni attività ed è pronto a cadere. Le premesse, perciò, sembrano ottime. La prossima prova sarà quella del mercato.

Marco Malagutti

Fonte
Conferenza stampa Inneov Trico Masse, Milano 16 settembre


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Lo smog intacca anche la salute delle ossa
Salute femminile
15 dicembre 2017
Notizie
Lo smog intacca anche la salute delle ossa
Energy drink: tanti i rischi per i più giovani
Alimentazione
14 dicembre 2017
Notizie
Energy drink: tanti i rischi per i più giovani
L'esperto risponde