Irsutismo: definizione e quadro clinico

04 maggio 2015

Irsutismo: definizione e quadro clinico



L'intensità di crescita dei peli varia tra individui, famiglie e razze perchè il numero dei bulbi piliferi per area di cute è determinato geneticamente e, nella stessa etnia, si conserva nei due sessi. I peli si distinguono in vello e peli terminali. Il vello è sottile, morbido, corto, non pigmentato, presente su tutto il corpo eccetto le labbra, il palmo delle mani e la pianta dei piedi, ed è predominante prima della pubertà. Il pelo terminale invece è grosso, duro, lungo e pigmentato. Nel sesso femminile tali peli, sono presenti, prima della pubertà, sul cuoio capelluto e sopracciglia, dopo la pubertà, solo sul pube, sotto le ascelle, e in misura minore sulle estremità. La conversione da vello a pelo terminale è sotto il controllo degli androgeni. Si definisce irsutismo la condizione del sesso femminile, caratterizzata dall'eccessiva crescita di peli terminali in zone ove normalmente lo sviluppo è minimo o assente: faccia, torace, addome, braccia e cosce. spesso E il risultato di condizioni patologiche non fatali, come per esempio cicli privi di ovulazione dovuti a disfunzioni dellovaio, problematica questa che interessa circa l8% delle donne.
Generalmente si tende a distinguere tra ipertricosi e irsutismo. Con ipertricosi si intende una crescita di peli, in qualsiasi parte del corpo, eccessiva rispetto alla quantità normalmente presente in persone della stessa età, razza e sesso, escludendo limplicazione di unazione ormonale. Di solito interessa i gomiti, il padiglione auricolare, il collo, la regione lombo-sacrale. Lirsutismo, invece, è il risultato di un iperandrogenismo cioè di un eccesso di produzione o di sensibilità agli androgeni, se non è riconducibile a nessuna di queste due cause si definisce idiopatico. Non è raro che sia accompagnato da altri sintomi come lacne post adolescenziale, la pelle grassa, la oligo/amenorrea, il sanguinamento disfunzionale uterino e la mascolinizzazione. Inoltre, questa condizione può essere associata a depressioni psicologiche, probabilmente secondarie, e forme di disadattamento sociale.Nella donna i principali ormoni con effetto androgeno sono il testosterone, in parte prodotto da ovaie e surrene e in parte proveniente dalla conversione periferica d'altri steroidi, l'androstenedione prodotto sia a livello surrenalico che ovarico, il deidroepiandrosterone e il suo solfato d'origine surrenalica.

Cerca nel sito


Cerca in


Ricette  |  Farmaci  |  Esperto risponde  |
Cerca il farmaco
Dizionario medico


Potrebbe interessarti
Bevande zuccherate, un pericolo per il cervello
Alimentazione
30 maggio 2017
News
Bevande zuccherate, un pericolo per il cervello
Arrivata in Italia la legge contro i bulli del web
Infanzia
29 maggio 2017
Interviste
Arrivata in Italia la legge contro i bulli del web
L'esperto risponde