Dove eravamo rimasti?

04 maggio 2015

Dove eravamo rimasti?



La giustizia civile ha formalmente concluso la vicenda dei casi di contagio da sangue infetto che ha causato il decesso di circa 4000 persone, tra il 1985 e il 1999. Ma nel frattempo si è aperta un'altra pagina di storia della (mala)Sanità italiana; nel 1994 un esposto presentato alla Procura della Repubblica di Trento dà inizio a una serie di indagini che hanno portato in aula giudiziaria 27 persone coinvolte nel commercio di plasma, con le seguenti accuse: epidemia colposa e tentata epidemia dolosa. Il prossimo 10 dicembre si terrà l'attesa udienza di rinvio a giudizio del processo in cui si sono costituiti come parte civile pazienti, associazioni di malati e, anche se con poca chiarezza, il Ministero della Sanità.

Nel giugno del '95 vengono ritrovati in magazzini dei Mercati Generali di Padova, 65 tonnellate di plasma di dubbia provenienza.
Il quantitativo sequestrato è stato sottoposto a 3500 analisi: 35 tonnellate sono positive al virus del epatite C (HCV), Aids (HIV), epatite B (HBV). Parte del plasma infetto era stato raccolto in Italia dal centro trasfusionale Co.Pla di Santa Marinella di Roma, il resto era di proprietà della britannica Padmore, ma raccolto nei Paesi dell'Est europeo, dove le normative di screening meno rigide lo escludono dall'importazione nei paesi della comunità europea.
Tutto il plasma risultava di proprietà della Sclavo (società del Gruppo Marcucci, proprietaria, tra l'altro, della Padmore). A sostegno delle ipotesi di traffico illecito sono state inoltre, rinvenute bleeding list, la documentazione relativa all'idoneità del donatore, falsificate o ''in bianco'' e regolarmente firmate.
Tra i 27 indagati figurano i titolari della Marcucci, i responsabili della Co.Pla, l'ex-direttore generale del Servizio Farmaceutici, Duilio Poggiolini; sono chiamati a rispondere anche di responsabilità nei confronti di altri paesi dove sono stati esportati emoderivati da plasma non testato: Egitto, India, Romania, Svizzera, Taiwan, Tunisia e Turchia.

Simona Zazzetta

Fonti

Il diario

Associazione Politrasfusi Italiani

Federazione delle Associazioni Emofilici - Onlus



Cerca notizie e approfondimenti in:

Cerca nel sito


Cerca in


Ricette  |  Farmaci  |  Esperto risponde  |
Cerca il farmaco
L'esperto risponde
Potrebbe interessarti
In giardino senza rischi: ecco il decalogo degli esperti
Scheletro e articolazioni
26 maggio 2017
News
In giardino senza rischi: ecco il decalogo degli esperti
Muffin alla banana con cioccolato e noci
Alimentazione
26 maggio 2017
Ricette
Muffin alla banana con cioccolato e noci
Gatto, intelligente come un cane
Mente e cervello
25 maggio 2017
News
Gatto, intelligente come un cane