Per qualche pastiglia in più

04 maggio 2015

Per qualche pastiglia in più



Tra le domande tipiche poste da qualsiasi medico che vede un paziente per la prima volta cè quella relativa ai farmaci in uso. Non è certo una domanda aleatoria in quanto sono molti i principi attivi che possono interagire tra loro perdendo di efficacia, o addirittura creare danni alla salute. In quel momento il paziente deve richiamare alla memoria tutti, ma proprio tutti i medicinali che assume, anche quelli che forse non sembrano farmaci perchè magari non necessitano di prescrizione medica o sono stati acquistati in erboristeria o in farmacie omeopatiche.
Tali raccomandazioni sembrano piuttosto scontate ma non è esattamente così stando almeno a quanto emerge da una recente indagine comparsa su America Journal of Obstetrics and Gynecology condotta su un campione di donne.

Farmaci e non
Le pazienti in questione erano donne non in gravidanza alle quali sono state poste alcune domande sul consumo di farmaci, in diversi momenti, in un periodio di 42 mesi. Le 567 donne hanno partecipato a 776 colloqui, e nove donne su dieci faceva uso di farmaci prescritti dal medico, il 96% ricorreva a farmaci da banco per lautomedicazione e il 59% usava prodotti fitoterapici. Il colloquio è stato organizzato in tre fasi: la prima era una domanda aperta sulluso generale di farmaci seguita poi da domande sulleventuale uso di medicinali per condizioni patologiche specifiche, infine è stato loro chiesto se usavano farmaci specifici o prodotti di origine vegetale. Gli operatori hanno notato che a ogni domanda le pazienti sembravano ricordare sempre più farmaci in particolare tornavano loro in mente di avere usato farmaci da banco o prodotti fitoterapici. E se da un lato dichiaravano di non ritenere importante menzionarli, dallaltro erano timorose nel farlo in quanto si trattava di medicina fai-da-te.

Interazioni indesiderate
Un dato importante riportato dallindagine sottolinea che mentre il consumo di prodotti di origine vegetale rimaneva pressochè costante e solo leggermente più alto nelle donne in menopausa, il numero di farmaci prescritti aumentava con letà. Il rischio di interazione quindi aumentava. Molte donne per esempio ricorrono alliperico come antidepressivo in quanto agisce in modo simile a certi antidepressivi comunemente prescritti. Una donna su quattro assumeva antidepressivi prescritti dal medico, ma erano molte le donne che dichiaravano di usare contemporaneamente prodotti fitoterapici per la stessa indicazione. E stato anche dimostrato che liperico riduce lefficacia dei contraccettivi orali, e interagisce con i digitalici per il cuore, con gli immunosoppressori, con le terapie per lHIV (Indinavir) e con gli anticoagulanti (cumarinici). In particolare precedenti studi hanno dimostrato che ci sono almeno 30 integratori di origine vegetale, tra i quali ginkgo biloba, danshen (Salvia miltiorrhiza), aglio, olio di semi di borragine, che aumentano il rischio di emorragie pericolose per la vita di pazienti in cura con questi anticoagulanti.
E quindi consigliabile tenere bene a mente ciò che si assume soprattutto se si stanno seguendo terapie croniche o prolungate, ma in linea di massima è bene farlo comunque e se la memoria gioca brutti scherzi magari si può ricorrere a un piccolo quaderno o diario da non dimenticare quando ci si rivolge al medico per una visita. Insomma, in questi casi è meglio non farsi trovare impreparate, la salute ne trarrà giovamento.

Simona Zazzetta

Fonte
Glover DD et al. Medication use in a rural gynecologic population: prescription, over-the-counter, and herbal medicines. Am J Obstet Gynecol. 2004 Feb;190(2):351-7


Cerca nel sito


Cerca in


Ricette  |  Farmaci  |  Esperto risponde  |
Cerca il farmaco
Potrebbe interessarti
Riso selvaggio con mazzancolle in spuma di broccoli
Alimentazione
25 settembre 2017
Ricette
Riso selvaggio con mazzancolle in spuma di broccoli
Mal di schiena e dolore cervicale: come riconoscerli, gestirli ed evitarli
Scheletro e articolazioni
25 settembre 2017
Interviste
Mal di schiena e dolore cervicale: come riconoscerli, gestirli ed evitarli
L'esperto risponde