Più alternative meno vaccinazioni

05 maggio 2005
Focus

Più alternative meno vaccinazioni



''Ove non vi siano controindicazioni di carattere medico, le vaccinazioni dovrebbero essere effettuate normalmente utilizzando vaccini testati e approvati in modo convenzionale'' così si è espressa l'Associazione britannica di Omeopatia a proposito delle vaccinazioni. Ciò nonostante è un dato di fatto che la diffusa diffidenza verso il ricorso ai vaccini vede i fautori delle medicine alternative come principali protagonisti. A ulteriore conferma arriva uno studio canadese, pubblicato sulla rivista Pediatrics, dal quale emerge come i bambini trattati con terapie alternative siano quelli con i più bassi tassi vaccinali rispetto alla popolazione generale e siano, di conseguenza, anche quelli più esposti al rischio di malattie prevenibili come orecchioni e morbillo. Ma che cosa dice lo studio?

Lo studio canadese
La premessa degli autori è semplice. Il ricorso a terapie complementari è un trend crescente nel Nord America e non solo. Uno dei problemi che questo trend comporta è dato dalle raccomandazioni avverse che spesso il terapeuta ''alternativo'' fa, in particolare quando si tratta di pazienti pediatrici e di pratiche come la vaccinazione. Per questo i ricercatori hanno preso in esame tutti i casi di adolescenti e bambini che hanno avuto accesso a una clinica canadese di insegnamento naturopatico e hanno preso in esame, in particolare, aspetti come il ricorso a prodotti alternativi e lo status vaccinale. La revisione dei 482 referti presi in considerazione ha mostrato come il 35% dei pazienti che si sono presentati alla clinica per disturbi come malattie cutanee, problemi gastrici o psichiatrici stavano già utilizzando rimedi alternativi, dalle vitamine ai prodotti omeopatici. Non solo. L'8,9 % dei bambini non era stato vaccinato contro parotite, morbillo o rosolia. Tre le principali cause di questo fenomeno: l'età ancora giovane, il maggior ricorso a rimedi alternativi e i dubbi dei genitori rispetto alla sicurezza dei vaccini. Risulta evidente, concludono i ricercatori, che i genitori dovrebbero essere incoraggiati a raccontare al medico dell'eventuale ricorso a trattamenti alternativi, ma a loro volta i medici dovrebbero assicurarsi dell'eventuale ricorso a queste alternative nel delineare il profilo medico del piccolo paziente. Da una parte, infatti, i medici potrebbero non aver ancora realizzato l'importanza crescente del fenomeno ''alternative'', d'altro canto i genitori potrebbero non avvertire l'importanza di condividere queste informazioni con il medico, sulla base del motto, notoriamente smentito, naturale uguale sicuro. Il tema delle vaccinazioni, concludono i ricercatori, è cruciale. Bisogna capire quali siano gli eventuali pregiudizi dei genitori visto che ben il 27% di quelli esaminati cita il rischio di effetti collaterali per i loro bambini, e su tutti il rischio autismo è il più sbandierato. Hanno ragione? Le evidenze scientifiche sembrerebbero ormai escluderlo e comunque sarebbe bene che qualcuno lo spiegasse anche a loro.

Marco Malagutti

Fonti
Mills E. et al. Characteristics of Pediatric and Adolescent Patients Attending a Naturopathic College Clinic in Canada. Pediatrics, Mar 2005; 115: e338 - e343.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Lo smog intacca anche la salute delle ossa
Salute femminile
15 dicembre 2017
Notizie
Lo smog intacca anche la salute delle ossa
Energy drink: tanti i rischi per i più giovani
Alimentazione
14 dicembre 2017
Notizie
Energy drink: tanti i rischi per i più giovani
L'esperto risponde