Ospedali più umani e accoglienti

05 dicembre 2008

Ospedali più umani e accoglienti



Anche fosse per una visita a un parente, entrare in un ospedale non è mai un'esperienza piacevole; odori, colori, materiali sono talmente standard da evocare nell'immaginario collettivo ambienti asettici e del tutto impersonali. Cambiare questa percezione dei luoghi di cura e di ricovero è l'obiettivo di molte iniziative sparse sul territorio volte all'umanizzazione della medicina e a migliorare l'accoglienza. Quelle realizzate in Lombardia sono state censite da un'indagine in 29 ospedali, voluta dalla direzione delle Aziende Ospedaliere di Melegnano e Luigi Sacco, per conoscere i progetti messi in atto, per renderli condivisibili e replicabili in altre realtà.

Bimbi con il sorriso
In tutta la Lombardia, tra il 2007 e il 2008 sono stati messi in atto 62 progetti riconducibili ai due temi in oggetto, accoglienza e umanizzazione, intese come due macro aree di intervento. I destinatari delle proposte, oltre ai degenti in generale, sono alcuni gruppi specifici considerati più vulnerabili e di maggiore sensibilità, come i bambini (22 progetti, il 14% del totale), gli anziani e i diversamente abili (la cosiddetta "fascia debole" cui è rivolto il 6% delle iniziative), gli stranieri (22 attività, pari al 14%). Il 22% delle proposte ha comunque toccato i degenti in senso ampio e il 33% tutti gli utenti dei vari servizi, il restante 5% delle proposte ha interessato complessivamente il Pronto Soccorso, i cittadini, il mondo del volontariato e i medici. In generale, comunque, le risorse si sono quasi equamente suddivise tra le due macro aree di interesse. Con l'obiettivo di rendere l'ospedale più a misura d'uomo, anzi di bambino, alcuni ospedali hanno provveduto a decorare le pareti delle camere di degenza pediatrica, all'implementazione di cinema, biblioteca, filodiffusione, TV a circuito chiuso e schermi da usare a letto con internet, videogiochi, audio libri e radio. Nei bagni sono comparsi tubi e rubinetterie colorate, e in corsia sono arrivati i clown per intrattenimento dei più piccoli. In particolare, per creare continuità con la terapia, è stato pensato un servizio di accoglienza e preparazione psicologica all'intervento chirurgico, chiamata la Stanza dei Giochi e Pensieri. Si presenta come un accogliente spazio, adiacente agli ambulatori, dedicato ai bambini e ai genitori che sono in attesa di visite, esami clinici o in regime di pre-ricovero. Questi sono seguiti da tre psicologhe, per favorire il loro percorso ospedaliero, sotto l'aspetto emotivo.

Percorsi più facili
Un altro elemento importante è la disponibilità all'ascolto, utile anche per creare percorsi semplificati, migliorare l'accoglienza in ospedale e favorire e velocizzare l'accesso ai servizi. Per questo il 30% degli interventi ha riguardato proprio clima e ambiente ospedalieri, il 18% la semplificazione dei processi, il 17% la vivibilità, il 16% l'ascolto e l'interazione e l'11% il modo di veicolare le informazioni. Per esempio, sono stati creati call center e sportelli dedicati a categorie particolari di pazienti e utenti come anziani (over 70), non udenti e stranieri, mentre un call center oncologico risponde ai bisogni del malato oncologico e dei famigliari, agevolandoli nell'orientamento nella rete dei servizi sanitari e socio-sanitari. Notifiche via sms, prenotazione via internet e prestazioni accessibili senza prenotazione sono state adottate proprio per facilitare l'utenza. Infine, progetti di informazione sulla prevenzione di alcune malattie e del trauma del ricovero, in particolare nei bambini, sono stati attivati anche al di fuori dell'ospedale. Il riscontro nell'utenza è stato decisamente positivo dal momento che, nel complesso, 56 iniziative (90%) sono state percepite come di assoluto o significativo rilievo dall'utente, e 48 (77%) sono state giudicate così dal personale. "In questo modo - precisa il direttore generale dell'azienda ospedaliera di Melegnano, Claudio Garbelli - gli ospedali non sono più luoghi grigi e anonimi come un tempo ma tentano di ospitare il paziente in un ambiente familiare, di farlo tornare a casa, per quanto possibile". Con un bilancio finale decisamente favorevole dal momento che molti interventi sono stati realizzati a costo zero: "Il 60% degli interventi non ha richiesto investimenti" sottolinea Luigi Corradini, direttore generale del Sacco.

Simona Zazzetta

Fonti
Conferenza stampa: Umanizzazione e accoglienza: cosa fanno gli ospedali lombardi. Milano, 1 dicembre 2008



Cerca nel sito


Cerca in


Farmaci  |  Esperto risponde  |


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Italia in prima linea contro le “malattie della povertà”
Salute pubblica
13 marzo 2017
Interviste
Italia in prima linea contro le “malattie della povertà”
La salute sul web tra bufale e verità
Salute pubblica
30 gennaio 2017
Focus
La salute sul web tra bufale e verità
L'esperto risponde