Dopo la crisi il suicidio

06 luglio 2007
Focus

Dopo la crisi il suicidio



In alcune popolazioni di malati la mortalità è particolarmente alta. Quella degli epilettici è tra queste, con un tasso doppio o quadruplo rispetto alla popolazione generale. Ma leccesso di mortalità si spiega solo parzialmente con gli eventi che possono aver provocato le crisi, come un tumore cerebrale, un ictus o un trauma cranico. Diversi studi hanno rilevato che in soggetti con epilessia, della stessa età, il rischio di suicidio aumentava da tre a cinque volte, ma i campioni presi in esame non erano sufficientemente ampi per generalizzare a tutta la popolazione di pazienti.

Tre volte più probabile
In più di unoccasione è stata dimostrata una forte associazione tra lepilessia e la patologia psichiatrica, che a sua volta è il fattore di rischio più consistente per il suicidio, rischio che aumenta anche in caso di assunzione di farmaci antipsicotici. Non è chiaro se queste variabili possano peggiorare la situazione e se le condizioni ambientali, legate allo stato socioeconomico, abbassando la qualità della vita che per un soggetto epilettico e già compromessa. Uno studio recente, considerato sufficientemente ampio, ha chiarito alcune criticità e ha dato delle risposte. I dati sono stati raccolti da vari registri nazionali danesi e hanno permesso di identificare più di 21 mila casi di suicidio da confrontare con oltre 400 soggetti di controllo con profilo omogeneo ai suicidi. Il primo dato grezzo confermava la tendenza osservata in altri studi: nel gruppo dei suicidi il 2,32% soffriva di epilessia, nel gruppo controllo solo lo 0,74%, vale a dire un rischio triplo (rischio relativo 3,17) negli epilettici rispetto a chi non ha una storia psichiatrica simile. Inoltre era molto più probabile che avessero altre malattie mentali, con un rischio relativo più che quadruplo (4,33), tuttavia depurando i dati da altri fattori, cioè escludendo patologie mentali, e a parità di stato civile, posizione professionale, reddito annuale, luogo di residenza, il rischio relativo di suicidio in presenza di epilessia rimaneva alto.

L'epilessia aumenta il rischio
Mentre era vero il contrario: lepilessia aumentava il rischio di suicidio nei pazienti con malattia psichiatrica a suggerire un effetto indipendente sulla probabilità di suicidio, anche perchè spesso lepilessia porta alla malattia psichiatrica che a sua volta può spingere il paziente al suicidio. Quindi la patologia mentale diventa un passaggio nel percorso che porta dallepilessia al suicidio impossibile da separare. Molto spesso depressione ed epilessia sono legate in modo bidirezionale, una circostanza che si è palesata anche ai ricercatori danesi i quali hanno riscontrato un elevato rischio di suicidio tra i pazienti con epilessia e disturbi dellaffettività, senza per altro che gli effetti si sommassero, a dimostrazione ulteriore di un meccanismo patologico condiviso che sfocia nel suicidio. Unanalisi più dettagliata, inoltre, ha evidenziato un rischio maggiore nelle donne, e che, mentre nella popolazione generale aumenta con letà, in particolare nella popolazione anziana, tra i soggetti epilettici tende a diminuire nel tempo. Gli autori, infatti, hanno riscontrato che il rischio relativo scendeva con letà e con la durata dellepilessia, una tendenza che si può spiegare con limpatto molto forte della malattia sulla quotidianità del paziente, immediatamente dopo la diagnosi. Nelle fasi successive, invece, è probabile che i farmaci antiepilettici agiscono stabilizzando il paziente e a riducendo lesposizione al rischio di suicidio. Gli autori sottolineano come la prima fase sia una finestra di elevata sensibilità del paziente epilettico che richiede unattenzione, ma senza dimenticare leffetto che ha avuto sui soggetti che si sono tolti la vita nello studio danese.

Simona Zazzetta

Fonte
Christensen J et al. Epilepsy and risk of suicide: a population-based case-control study. Lancet early online July 3, 2007


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Lo smog intacca anche la salute delle ossa
Salute femminile
15 dicembre 2017
Notizie
Lo smog intacca anche la salute delle ossa
Energy drink: tanti i rischi per i più giovani
Alimentazione
14 dicembre 2017
Notizie
Energy drink: tanti i rischi per i più giovani
L'esperto risponde