Disturbi da videoterminale

04 maggio 2015

Disturbi da videoterminale



Controlla se accusi anche tu qualcuno dei disturbi elencati e prendi nota delle principali precauzioni da seguire per lavorare al VDT senza rischiare la salute dei tuoi occhi.

Il videoterminale (VDT) di per sè non provoca disturbi, piuttosto è un uso non corretto dello stesso a determinare linsorgenza di un malessere localizzato agli occhi, alla testa, al collo, ecc. Studi scientifici qualificati hanno fugato ogni falso allarmismo su argomenti comunemente additati come possibile causa di disagio quali ''radiazioni'' o campi elettromagnetici.

Allorigine del malessere determinato dalluso di VDT, la cosiddetta Office Eye Syndrome, possono essere: difetti visivi non corretti o non diagnosticati oppure una irritazione oculare cronica, dovuta alle imperfette condizioni di utilizzo del monitor.

Difetti visivi quali miopia, ipermetropia o astigmatismo non diagnosticati, o corretti in maniera inadeguata possono provocare cefalee, bruciore oculare, sfuocamento delle immagini ed in tal modo rendere molto difficoltosa una normale attività lavorativa su VDT. Quando esista infatti una correzione inadeguata al difetto visivo, quando uno dei due occhi sia pigro, quando ancora la messa a fuoco delle immagini su video richieda uno sforzo eccessivo e, ciò nonostante, non sia consentita una nitidezza visiva od una collaborazione tra i due occhi accettabile, il risultato è un affaticamento eccessivo ed un conseguente scarso rendimento lavorativo.

Vi sono inoltre condizioni patologiche quali ad esempio lipermetropia o lo strabismo che, qualora non vengano corrette adeguatamente con occhiali o lenti a contatto, possono risultare amplificate da uno sforzo visivo prolungato e sistematico.

Pertanto le condizioni di utilizzo di VDT non possono prescindere dalla certezza che i nostri occhi siano in salute e che eventuali difetti visivi siano stati adeguatamente diagnosticati e corretti.

Una buona salute oculare garantirà una visione binoculare, nella quale cioè il cervello si possa avvalere delle immagini provenienti da entrambi gli occhi; se questo non fosse comunque possibile per disturbi quali uno strabismo od un deficit visivo non correggibile dovrà essere il medico oculista a dare parere favorevole alluso di monitor.

Se quanto affermato è stato oggetto di controlli accurati e ciò nonostante persistono disturbi quali:

bruciore

prurito

arrossamento

lacrimazione

fotofobia

frequente ammiccamento (chiudere troppo frequentemente la palpebra)

ciò può dipendere dalle cause sotto elencate:

Condizioni sfavorevoli di illuminazione

Eccesso o insufficienza di illuminazione generale

Riflessi da superfici lucide

Luce diretta naturale o artificiale su occhi o schermo video

Presenza di superfici di colore estremo: bianco o nero

Scarsa definizione di caratteri sullo schermo dovuta a difetti del monitor.

Impegno visivo ravvicinato, statico e protratto nel tempo

Nel caso in cui il monitor dista meno di un metro dagli occhi, i muscoli per la messa a fuoco dellimmagine e per la motilità oculare sono fortemente sollecitati. Limpegno aumenta quanto più loggetto è vicino e quanto più a lungo è fissato nel tempo.

Posizioni di lavoro inadeguate per lerrata scelta e disposizione degli arredi

Stress determinato comunque da carichi di lavoro eccessivo o da debolezza fisica conseguente a malattie generali non diagnosticate

Non va dimenticato che losservazione prolungata di un monitor fa normalmente diminuire la frequenza di ammiccamento (il numero di volte che sbattiamo le palpebre al minuto), ed inoltre la lettura a video comporta un numero di movimenti oculari rapidi molto elevato, mettendo in ogni caso a dura prova i nostri occhi.
Risultano comunque sfavoriti anche in condizioni di normalità i portatori di lenti a contatto, per i quali la lacrimazione gioca un ruolo fondamentale, ed ai quali è sempre consigliabile, in aiuto alla diminuita frequenza di ammiccamento ed alla conseguente aumentata secchezza oculare, lausilio di lacrime artificiali in collirio.



Cerca notizie e approfondimenti in:

L'esperto risponde
Potrebbe interessarti