Pediatria, un nuovo modello di sviluppo

04 maggio 2015

Pediatria, un nuovo modello di sviluppo



''Scoprire le potenzialità dei bambini con ritardo cognitivo, difficoltà motorie e di apprendimento. Progettare un percorso di vita sereno ed aiutare i genitori a vedere le potenzialità dei loro figli in modo sereno ed oggettivo''. Questo lobiettivo dellUnità Operativa Pediatrica del Presidio Ospedaliero Fondazione San Raffaele di Ceglie Messapica (BR) così come emerge dalle parole della Responsabile, dr.ssa Vittoria Tafuno.
Il Centro, impegnato nella ricerca e nella cura dei bambini, si basa su un progetto innovativo di riabilitazione messo a punto dal Prof. Giorgio Albertini, primario dellUnità Operativa Pediatrica dell IRCCS San Raffaele Pisana (Roma), che con il suo personale impegno sostiene la struttura di Ceglie e collabora con essa giorno per giorno assicurando un processo continuo di aggiornamento e scambio di conoscenze e competenze.
''I nostri piccoli pazienti - spiega la dr.ssa Tafuno - sono considerati dei protagonisti attivi dellinterazione con lambiente che ci circonda, attori e protagonisti di questa vita che fortemente gli ha voluti e non più oggetti passivi di stimolazioni''. Vengono dunque superati i limiti posti dai tradizionali modelli riabilitativi e di sviluppo che consideravano il bambino un oggetto passivo, dominato dai riflessi e privo di capacità, di competenze cognitive, quindi di prospettive.
Altra peculiarità del reparto è il coinvolgimento attivo e continuo della famiglia, della scuola, ed in generale di quelle istituzioni deputate allistruzione ed alla formazione. Tutto ciò favorisce la conoscenza e la comprensione profonda di temi complessi come la disabilità e lo sviluppo, valorizzando la dimensione sociale e lapertura al mondo di chi troppo spesso si trova esposto al rifiuto o allattenzione pietistica degli altri.
''Lintervento multidisciplinare e polispecialistico del Centro di Ceglie - continua la dr.ssa Tafuno - prevede una serie di attività tra cui: musicoterapia, idroterapia, logoterapia il tutto supportato da una tecnologia allavanguardia che contraddistingue il reparto di Day Hospital e fa di esso lunico punto di riferimento, soprattutto in una zona del territorio nazionale carente di tali opportunità, di tante famiglie che si trovano ad affrontare un cammino in salita con la serenità di chi non è solo''.
Sistema di registrazione audiovisivo nelle varie stanze, informatizzazione completa del reparto e della cartella clinica (permette una gestione razionale di tutte le informazioni acquisite), gait analysis (attrezzatura scientifica complessa che analizzando il cammino e la postura del paziente consente di individuare i punti nevralgici sui quali puntare nel corso della riabilitazione), tutto questo è lUnità Operativa Pediatrica del Presidio di Ceglie, ma non solo...così come si evince dalle parole profonde e commosse estrapolate da una lettera di ringraziamento scritta da un gruppo di famiglie che la dr.ssa Tafuno ci mostra emozionata: ''I nostri figli un po speciali hanno bisogno di tanto. Cure mediche che non siano solo diagnosi e terapie; di assistenza specialistica che sappia superare le barriere della fredda professionalità con il calore di un sorriso e parole di speranza che riscaldano i cuori; di terapisti impegnati, capaci e cordiali, che sappiano tirar fuori dai nostri cuccioli tutte le risorse nascoste...grazie per la professionalità, la disponibilità, lefficienza ed il rispetto delle persone che ogni giorno ci accompagnano e ci confortano nelle innumerevoli difficoltà di una vita speciale...''


Cerca nel sito


Cerca in


Farmaci  |  Esperto risponde  |


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Vivere in menopausa: al via campagna informativa
Salute femminile
19 ottobre 2017
News
Vivere in menopausa: al via campagna informativa
Meditare fa bene al cuore
Cuore circolazione e malattie del sangue
18 ottobre 2017
News
Meditare fa bene al cuore
L'esperto risponde