Sick Building Syndrome

04 maggio 2015

Sick Building Syndrome



Sindrome dell'edifico malato o sick building syndrome: non una vera e propria malattia, imputabile ad una causa ben precisa, ma una serie di disturbi che affliggono le persone che passano molte ore all'interno di un ambiente chiuso. Gli inquilini ''forzati'' lamentano sensazioni di disagio acuto, come cefalea, irritazione di occhi, naso e gola, tosse secca, pelle disidratata, vertigini o nausea, difficoltà di concentrazione, affaticamento, particolare sensibilità agli odori. La maggior parte dei sintomi svanisce o si attenua fortemente allontanandosi dall'edificio.
Ed è proprio l'ambiente (casa, ufficio, scuola, biblioteca) ad essere ''malato'' o meglio contaminato dalla presenza eccessiva di inquinanti nell'aria. Può sembrare paradossale parlare di inquinamento indoor (interno) quando il termine inquinamento è generalmente associato ai gas di scarico che si riversano nell'atmosfera esterna. Invece la qualità dell'aria all'interno degli edifici è un dato particolarmente critico per almeno due motivi: dalla metà circa degli anni '70 le costruzioni sono state sempre più sigillate, per evitare dispersioni energetiche, e, d'altra parte, le popolazioni industrializzate trascorrono molto più tempo in ambienti chiusi che all'aria aperta. L'isolamento delle strutture edilizie ha fortemente limitato il naturale scambio d'aria tra interno ed esterno, attraverso fessure, serramenti e infissi, ma non è l'unico colpevole. Il contenimento dei consumi energetici, infatti, portò anche ad una ridefinizione degli standard minimi raccomandati, con diminuzione della ventilazione e aumento del riciclo dell'aria interna negli impianti di grossi complessi. Ad oggi le problematiche che portano alla sick building syndrome sono ben note, tuttavia per correggerle completamente occorre poter intervenire su molti fattori, cosa non sempre possibile. Più in dettaglio, per garantire una buona e salutare qualità dell'aria all'interno di uffici e abitazioni, bisognerebbe controllare:

gli elementi di dotazione tecnologica iniziale dell'edificio, cioè i materiali di costruzione, gli impianti di riscaldamento e condizionamento

gli arredi fissi e mobili

i rivestimenti di pavimenti, pareti e soffitti

i materiali usati per la manutenzione e la pulizia

le modalità di uso degli spazi, lo stile di vita e di lavoro

La tabella 1 schematizza le principali sostanze inquinanti rilevabili all'interno degli edifici non industriali (dove vi sono inquinanti specifici dovuti alle singole lavorazioni) e dei mezzi di trasporto (automobili, treni, aerei).

Tabella 1AmbienteFonteInquinante

CasaFumo di tabaccoParticelle respirabili (PM10) Monossido di carbonio (CO) Composti organici volatili (COV)Fornelli a gasOssido nitroso (NO2)Monossido di carbonio (CO)Forni a legna e caminiParticelle respirabili (PM10) Monossido di carbonio (CO) Idrocarburi policiclici aromatici (IPA)Materiali da costruzioneRadon (gas radioattivo) Formaldeide Suolo sottostante i fabbricatiRadon (gas radioattivo)Mobili e prodotti per la casaComposti organici volatili Formaldeide Riscaldamento a gasOssido nitroso (NO2) Monossido di carbonio (CO)Riscaldamento a keroseneOssido nitroso (NO2) Monossido di carbonio (CO) Anidride solforosa (SO2)Isolanti Asbesto (o amianto, cancerogeno)

UfficioFumo di tabaccoParticelle respirabili (PM10) Monossido di carbonio (CO) Composti organici volatili (COV)Materiali da costruzioneComposti organici volatili (COV) Formaldeide Arredamento (mobili in truciolato)Composti organici volatili (COV) Formaldeide

Fotocopiatrici, stampanti laserComposti organici volatili (COV) Ozono Condizionatori Agenti biologici (funghi, batteri, muffe, virus)

Mezzi di trasportoAria ambienteOzono in aereo Monossido di carbonio (CO) in automobile Idrocarburi policiclici aromatici in automobileCondizionatoriAgenti biologici (funghi, batteri, muffe, virus)

La tossicità di queste sostanze non è elevata, ma se accumulate nell'aria in concentrazioni sufficienti possono causare irritazioni cutanee, oculari e malesseri, soprattutto se le persone soggiornano in luoghi inquinati per molte ore. Curiosamente più è moderno l'edificio, o più recentemente ristrutturato, e maggiore è il potenziale di inquinamento, mentre i materiali naturali usati in passato (e ora tornati di moda) erano più salubri. Moquettes, tappezzerie e impianti di condizionamento possono alloggiare colonie batteriche, acari e spore fungine. Va sottolineato che, quando si parla di agenti biologici come inquinanti indoor, ci si riferisce alle tossine che possono emettere e che possono essere respirate, causando irritazioni o allergie delle prime vie aeree. Si dà infatti per scontato che, nel rispetto delle norme igieniche, gli edifici non dovrebbero essere incubatori di microrganismi patogeni; questi ultimi, semmai, vi sono trasportati e diffusi da individui ammalati.
Continuando con l'accusa ai prodotti tecnologici, bisogna aggiungere alla tabella 1:

infissi ermetici, aria condizionata e lampade fluorescenti che producono ioni negativi

pennarelli, evidenziatori e inchiostri che liberano toluene

prodotti chimici per la pulizia degli ambienti e disinfettanti che liberano alcol, COV e fenolo

gomme, resine, colle, vernici usate per i rivestimenti che possono emettere gas nocivi anche per alcuni mesi successivi alla posa

smacchiatori (trielina) e solventi (benzene) per tintoria vengono sprigionati dagli abiti appena ritirati dalle tintorie

le carte autocopianti e i toner di fotocopiatrici e stampanti che rilasciano pulviscolo nell'aria

L'eliminazione, o la diluizione, di questi inquinanti dipende essenzialmente dalla quota di ricambio d'aria tra interno ed esterno, che deve essere adeguata al volume in metri cubi dei locali e al numero di persone che vi soggiornano. Quando non si raggiunge una sufficiente purezza dell'aria ecco che si può sviluppare la sick building syndrome (SBS), definita dall'Organizzazione Mondiale della Sanità con i seguenti criteri: colpisce la maggior parte degli occupanti l'edificio

i sintomi devono appartenere a 3 gruppi principali
(vedi tabella 2)

si ha prevalenza di irritazioni degli occhi e delle prime vie respiratorie

la frequenza di sintomi sistemici (malattie di organi interni) è modesta

non esiste un rapporto causale con un'esposizione eccessiva ad un singolo agente

Tabella 2Gruppo di sintomiManifestazioni correlate Reazioni acute fisiologiche e sensorialiIrritazioni delle mucose e delle prime vie aeree, secchezza oculareReazioni nervose riflesse, lacrimazione, rinorrea
Cefalea, difficoltà di concentrazione
Ridotta capacità lavorativaReazioni aspecifiche di ipersensibilità delle mucose
Secchezza o irritazione della pelle
Lievi sintomi di tipo asmatico o allergicoPercezione di odori o sapori sgradevoli

Reazioni psicosocialiRiduzione della produttività AssenteismoPiù frequente ricorso a medicazioni o al medico di famigliaIniziative per modificare l'ambiente interno

Modificazioni subacute della sensibilità agli agenti ambientali(aumento di fondo della reattività ad allergeni e sostanze chimiche)

La sintomatologia della SBS è molto varia: dipende dai singoli soggetti, dalle condizioni dell'edificio o anche dalle condizioni ambientali di un singolo ufficio o reparto; investe però almeno il 20% delle persone che vi soggiornano e permane cronicamente se l'atmosfera interna non viene corretta. I disturbi più frequenti sono: mal di testa, sonnolenza e difficoltà di concentrazione; nausea, capogiri; infezioni riguardanti le vie respiratorie, senso di costrizione toracica, difficoltà respiratoria; problemi al naso e alla gola, senso di ostruzione nasale, prurito, senso di irritazione e gola secca; patologie irritative (tracheiti, bronchiti) e allergiche (asma) dell'apparato respiratorio; oppressione, stanchezza, malessere; febbre da umidificatore; irritazione della pelle, eritema, secchezza e prurito, dermatite allergica; dolore degli occhi, senso di secchezza, bruciore e prurito.

La 626
Quando si parla di ricambio d'aria ci si riferisce, in realtà, al microclima, ossia all'insieme di quelle caratteristiche che rendono confortevole e sana l'aria; quindi non solo la composizione qualitativa, ma anche la sua temperatura e l'umidità. Questi due parametri, infatti, giocano un ruolo fondamentale sulla nostra salute e sulla diffusione delle sostanze tossiche. Tutti i composti volatili (che evaporano facilmente) si diffondono all'aumentare della temperatura; analogo discorso per l'umidità: se gli inquinanti sono solubili in acqua (formaldeide, ozono) un elevato tasso di umidità ne favorisce la propagazione. Temperatura bassa e umidità elevata favoriscono la crescita delle muffe e acari, gli ambienti molto secchi, invece, sono un ottimo terreno di coltura per alcuni patogeni. Inoltre i continui sbalzi di temperatura e/o umidità, passando dall'interno all'esterno o da un locale all'altro, costringono il nostro corpo ad uno sforzo per riportarsi in condizioni di equilibrio, in queste fasi di ''riassestamento'' l'organismo è più vulnerabile all'attacco di virus e batteri patogeni.
Ecco in sintesi i requisiti minimi previsti dalla legge:

Numero adeguato di ricambi d'aria naturali con 1/8 almeno di superficie aerante apribile; 1,5 ricambi ora per gli impianti di condizionamento, cioè 15 m3/ora per persona.

Temperatura tra 17,5 e 21,5° C in inverno; da 19 a 24°C in estate

Umidità relativa 45 -55%

Velocità dell'aria non superiore a 0,2 m/sec

Un lavoratore stabile deve disporre di uno spazio minimo di 2 m2 e 10 m3

Elisa Lucchesini

Fonte

Roberto Bono. L'inquinamento dell'aria negli ambienti confinati: gli effetti sulla salute dell'uomo. Dipartimento di Igiene e Medicina di Comunità dell'Università di Torino.

Pejtersen J et al. Effect of renovating an office building on occupants' comfort and health. Indoor Air 2001 Mar;11(1):10-25

Apte MG, Fisk WJ, Daisey JM. Associations between indoor CO2 concentrations and sick building syndrome symptoms in U.S. office buildings: an analysis of the 1994-1996 BASE study data.

Indoor Air. 2000 Dec;10(4):246-57

Kilburn KH. Indoor air effects after building renovation and in manufactured homes.

Am J Med Sci. 2000 Oct;320(4):249-54.


Cerca nel sito


Cerca in


Farmaci  |  Esperto risponde  |


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Vivere in menopausa: al via campagna informativa
Salute femminile
19 ottobre 2017
News
Vivere in menopausa: al via campagna informativa
Meditare fa bene al cuore
Cuore circolazione e malattie del sangue
18 ottobre 2017
News
Meditare fa bene al cuore
L'esperto risponde