Calcolo della data presunta parto

16 dicembre 2017

Calcolo della data presunta parto



Per calcolare la data presunta parto (Dpp), cioè quante settimane mancano alla gravidanza, basta indicare di seguito la data dell'ultima mestruazione:

Data ultima mestruazione:




Data presunta parto (dpp)


Sembra facile ma non è così: si sa che una gravidanza dura all'incirca 9 mesi, però attualmente si utilizza un conteggio più preciso in settimane. Una gravidanza dura mediamente 280 giorni, cioè 9 mesi e 10 giorni, cioè 40 settimane, contando dal primo giorno dell'ultima mestruazione. Inserendo quindi la data dell'ultima mestruazione nel form proposto, il sistema calcolerà il giorno presunto del parto ipotizzando 40 settimane di gestazione.

Perchè il calcolo del parto


Conoscere in anticipo la data prevista per il parto non è solo un desiderio legato alla curiosità della madre, perché datare la gravidanza è fondamentale, dal punto di vista medico, per poter controllare che la crescita fetale proceda regolarmente.

Come si data una gravidanza


Biologicamente una gravidanza inizia non alla mestruazione ma al momento della fecondazione dell'ovulo. Tuttavia questo momento è piuttosto variabile e imprevedibile, perciò in medicina si è convenzionalmente stabilito di considerare come inizio della gravidanza il primo giorno dell'ultima mestruazione.

A che punto è la gravidanza


Per sapere esattamente come procede la gravidanza, e avere conferma della data presunta per il parto (Dpp) occorre confermare l'età gestazionale con la valutazione dell'età ultrasonografica.

Età gestazionale è il tempo in settimane + giorni calcolata dal primo giorno dell'ultima mestruazione, in pratica il periodo trascorso in assenza di nuove mestruazioni. Questo valore si ottiene semplicemente utilizzando un calendario.

Età ultrasonografica è l'epoca in settimane + giorni calcolata con l'ecografia, eseguita nel primo trimestre, in base alle misure del feto.

Se la lunghezza fetale rilevata con l'ecografia corrisponde a un'età diversa di almeno 7 giorni dall'età gestazionale, la gravidanza va ridatata in base a tale differenza. In pratica il ginecologo abbandona la misurazione da calendario a favore di quella dell'ecografia: da quel momento in poi il riferimento per la crescita fetale e la Dpp sarà l'età ultrasonografica.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Schede patologia


Cerca un farmaco


Potrebbe interessarti
Lo smog intacca anche la salute delle ossa
Salute femminile
15 dicembre 2017
Notizie
Lo smog intacca anche la salute delle ossa
Vivere in menopausa: al via campagna informativa
Salute femminile
19 ottobre 2017
Notizie
Vivere in menopausa: al via campagna informativa
L'esperto risponde