ANTITROMBINA

04 marzo 2016
Lettera A

ANTITROMBINA



Definizione di ANTITROMBINA


Gruppo eterogeneo di attività aventi la caratteristica comune di inattivare la trombina. Le diverse antitrombine sono state classificate secondo la numerazione romana da I a VI. L'antitrombina I indica l'effetto inibente dell'antitrombina ottenuto dal suo assorbimento da parte della fibrina. L'antitrombina II è il cofattore eparinico (v.); la V è il fenomeno della ridotta attività trombinica che si riscontra nell'artrite reumatoide, mentre la VI è l'inattivazione della trombina da parte dell'attività proteolitica dei prodotti di degradazione del fibrinogeno. L'antitrombina IV si identifica con l'antitrombina III, che è l'unico termine ancora usato. Si ritiene che l'antitrombina III sia la principale proteina plasmatica responsabile della progressiva inattivazione della trombina. La presenza di antitrombina III (AT III ) a concentrazioni sufficienti è di grande importanza per la fluidità del sangue, soprattutto in aree di stasi venose. Un deficit di antitrombina III di origine congenita ereditaria o acquisita (malattie epatiche, nefrosi, gravidanza, obesità, somministrazione di estrogeni) può portare a trombosi venose, più raramente arteriose.



Lettera A:
Vedi i termini con la Lettera A (1227)


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Lo smog intacca anche la salute delle ossa
Salute femminile
15 dicembre 2017
Notizie
Lo smog intacca anche la salute delle ossa
Energy drink: tanti i rischi per i più giovani
Alimentazione
14 dicembre 2017
Notizie
Energy drink: tanti i rischi per i più giovani
L'esperto risponde