29/06/15  - Alterazione edemigena - Scheletro e Articolazioni

29 giugno 2015

Alterazione edemigena




Domanda del 29 giugno 2015

Domanda


Buongiorno, in data 7 maggio in seguito ad un intervento in scivolata giocando a calcio ho riscontrato un trauma contusivo. Il 12 maggio mi sottopongo alla prima RMN con diagnosi: Non evidenti lesioni a carico dei legamenti crociati. Normale aspetto dei collaterali. Alterazione edemigena post-contusiva del versante posteriore del condilo femorale esterno. L'alterazione è intraspongiosa, non si apprezza interruzione della continuità della corticale. Non sono presenti lesioni post-traumatiche a carico delle fibrocartilagini meniscali. Rotula in asse. Normale spessore della cartilagine articolare femoro-rotulea. Dopo questa RMN l'ortopedico mi ha consigliato riposo assoluto con 20gg di terapia con Arcoxa e sedute di magnetoterapia di almeno 6-7 ore al dì ;. In data 23 giugno nuova RMN con esito: Nei confronti del precedente esame si documenta minima area di residua ipertensità del segnale a livello della spocchiosa ossea del versante posteri del condilo femorale esterno, alterazione su base post-contusivi. Immutati gli altri reperti. Ora chiedo, è possibile ricominciare a fare attività fisica? Il dolore ricompare soltanto dopo che rimango seduto parecchio tempo per poi sparire dopo 5-10 minuti. Aspetto vostre notizie. Grazie, Gianluca.

La domanda è in attesa di risposta.
Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Scheletro e Articolazioni



Potrebbe interessarti
Mani e polsi in crisi, ma è proprio colpa dei nostri device?
Scheletro e articolazioni
07 febbraio 2018
Notizie e aggiornamenti
Mani e polsi in crisi, ma è proprio colpa dei nostri device?
Settimana bianca in tutta sicurezza
Scheletro e articolazioni
02 febbraio 2018
Notizie e aggiornamenti
Settimana bianca in tutta sicurezza
Carenza di vitamina D: ecco quando assumere gli integratori
Scheletro e articolazioni
29 novembre 2017
Notizie e aggiornamenti
Carenza di vitamina D: ecco quando assumere gli integratori