13/09/04  - Amnesie parziali - Malattie infettive

13 settembre 2004

Amnesie parziali




Domanda del 13 settembre 2004

Domanda


mia suocera é stata colta, almeno cosi i dottori pensano, da una influenza intestinale che ha provocato vomito e febbre vacillante. Ora dopo qualche giorno con sempre gli stessi sintomi, mia suocera é stata "colpita" da un amnesia parziale. Non ricordava che la stessa mattina il medico l'aveva visitata a casa; non ricordava della sua nipotina (nostra figlia) di due mesi, mentre ricordava l'altra sua nipotina (sempre nostra figlia) di tre anni e mezzo... Dimenticavo di dirle che la signora é stata operata per un tumore al colon e che ora é sottoposta a cure mediche e che assume un farmaco che si chiama XALIDON, che non so se c'é anche in Italia (scrivo dalla Finlandia). Tra l'altro non ricordava neanche di avere il predetto tumore... Ora siamo preoccupati, e non poco, per la sorte della nostra familiare perché si é indebolita moltissimo. Il medico ha detto che si puó trattare di un caso dovuto alla febbre che andava e veniva, peró anoi adesso viene il dubbio: potrbbe trattarsi di un caso legato al tumore o Alzheimer o cosa? spero possa darci un aiuto. Cordiali saluti, Vito Laneve
Risposta del 16 settembre 2004

Risposta di PATRIZIO GATTO


Gentile Signor La Neve
io penso che la conoscenza di alcuni elementi ulteriori potrebbero essere utili alla diagnosi (per esempio: età, presenza di problemi cardiovascolari, di Depressione , respiratori, Diabete , Ipertensione , ipercolesterolemia, etc).
Comunque le possibilità a mio avviso sono soprattutto 3:
1) delirio e confusione in corso di febbre, cosa possibile soprattutto se la febbre è stata alta e l'età è superiore diciamo ai 65-70 anni circa. Questo presuppone che al di fuori della febbre la Signora sia perfettamente normale dal punto di vista mentale (cioè assenza di deficit della memoria e di alterazioni del comportamento).
2) Demenza ( Alzheimer , a Corpi di Levy, o altro tipo di demenza degenerativa) in questo caso la paziente al di fuori dell'episodio febbrile presenta comunque un decadimento delle condizioni mentali, con deficit della memoria, anche lieve, delle capacità di calcolo, e non fa più attualmente al 100% le cose che era in grado di fare prima.
3) Purtroppo bisogna anche considerare la possibilità di metastasi cerebrali da tumore, la sintomatologia può in questo caso anche essere più occasionale, con momenti di mancanza di lucidità alternata a momenti di normalità.

Il mio consiglio è di eseguire una TC Cranio con mezzo di contrasto o una RMN Cranio e
valutazione di uno specialista geriatra o neurologo.

Cordiali saluti. Dr. Patrizio Gatto. Specialista in Geriatria.

Dott. Patrizio Gatto
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
TARANTO (TA)



Il profilo di PATRIZIO GATTO
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Malattie infettive



Potrebbe interessarti
Contrasto all’antibiotico-resistenza: usare gli antibiotici solo quando servono.
Malattie infettive
26 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Contrasto all’antibiotico-resistenza: usare gli antibiotici solo quando servono.
Micosi delle unghie dei piedi: cosa fare per combatterla
Malattie infettive
22 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Micosi delle unghie dei piedi: cosa fare per combatterla
Con l'HIV non si scherza. La campagna del Ministero della Salute
Malattie infettive
14 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Con l'HIV non si scherza. La campagna del Ministero della Salute