04/06/08  - Aneurisma - Mente e cervello

04 giugno 2008

Aneurisma





Domanda del 04 giugno 2008

Domanda: Aneurisma


Domanda di Mente e cervello, inviata in data 04 giugno 2008.

Buongiorno, circa un mese fà, per uno sforzo particolarmente intenso, dovuto a difficoltà di evacuazione legate ad una condizione di stitichezza, ho avvertito una sensazione di fastidio momentaneo nella zona interna della testa retrostante l'occhio sinistro. Con il passare del tempo ho sporadicamente avuto fastidi ivi localizzati, tuttavia mai ascrivibili alla categoria del dolore, associati a volte a sensazione di sbandamento e piccole fitte alla muscolatura sinistra del collo nonchè a minuscoli fastidi sulla fronte( sempre sinistra) e sulla parte superiore dell'osso circostante l'occhio sin, dal quale, a volte, mi è sembrato quasi di non riuscire a vedere bene (condizione sparita dopo pochi secondi ed uno 'stropicciamento'). Spesso mi è capitato di chinarmi ed avere la sensazione che il sangue si riversasse in quella zona speifica che, rialzandomi, mi pulsava per pochi secondi. Inoltre la sensazione che avverto (ed in maniera costante, da qualche giorno) è di avere un 'qualcosa', quasi un corpo estraneo nella testa. Potrebbe trattarsi di un aneurisma in formazione? Diversamente cos'altro potrebbe essere? Quali sono gli esami da fare per poter escludere qulsiasi patologia potenzialmente derivante da quello ( ed altri dello stesso tipo, ahimè) sforzo? Grazie di cuore per la Vostra disponibilità e, ancor di più, per aver dedicato la vostra vita ad aiutare chi soffre.
La domanda è in attesa di risposta.
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Mente e cervello



Cerca nel sito


Cerca in


Farmaci  |  Esperto risponde  |


Schede patologie


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Telelavoro: pregi e difetti
Mente e cervello
15 novembre 2017
News
Telelavoro: pregi e difetti
A passo di danza si invecchia meglio
Mente e cervello
09 novembre 2017
News
A passo di danza si invecchia meglio