21/06/04  - Aneurisma cerebrale - Mente e cervello

21 giugno 2004

Aneurisma cerebrale





Domanda del 21 giugno 2004

Domanda: Aneurisma cerebrale


Domanda di Mente e cervello, inviata in data 21 giugno 2004.

gent.mo medico,la mia è una curiosità nata spontanea e sulla quale stò cercando di dare risposta documentandomi su internet o in altre fonti, in quanto il mio medico di famiglia è stato poco esauriente nella sua risposta. le pongo il problema senza inutili preamboli,il mio ragazzo adesso 36 anni a 20 anni ha avuto un aneurisma cerebrale,è stato operato di urgenza dopo continui mal di testa abbastanza forti e gli è stata applicata una clips(mi pare si chiami così) x chiudere l'arteria rottasi. x circa 3 anni(21 anni-24 anni) ha effettuato una cura con medicinali contro la schizofrenia e cose di questo genere,attualmente dopo 16 anni dall'intervento gode di ottima salute,ha qualche emicrania (fortissima come la definisce lui,e che riesce a curare solo con la novalgina),non pratica sport estremi,ma solo yoga e una vita regolare cercando di evitare situazioni di stress.Il tutto ha portato solo a livello sessuale dei problemi di mancanza di eiaculazione,problema postosi dopo pochi mesi dall'intervento,prima la situazione era normale,si cerca di curare questo problema tramite terapia di coppia,ma ottenendo risultati ciclici,cmq la mia curiosità non è questa,questo èl'ultimo dei miei problemi. poichè di recente è deceduta una mia carissima zia(in età giovanile a soli 47 anni) x un aneurisma cardiaco,(ne aveva avuto uno già 5 anni fà e gli era stata applicata una clips al cuore), io cerco di vietargli di fumare,in quanto mia zia non potendo fumare lo faceva ed è deceduta,cerco di evitargli situazioni di stress di qualsiasi genere,ma vivo con il trauma che mi ha colpito 2 anni fà con il decesso di mia zia VI chiedo ma il mio ragazzo non è + a rischio o questo suo problema potrà ripresentarsi più avanti negli anni??(nella sua famiglia non c'è ereditarietà di tale problema,solo sua mamma ha avuto l'asportazione di un tumore benigno al seno,ma non + riformatasi) lui a me dice che una volta chiuso il vaso la soluzione che gli hanno applicato è definitiva xchè si è riformato un vaso di coagulo nel quale adesso scorre tranquillamente il sangue. Vi sarei grata se qualcuno rispondesse alla mia email sciogliendomi questi dubbi mi puoi ripondere anche in pvt in quanto seguo poco il vs sito..rampsimo@tiscali.it..grazie grazie
La domanda è in attesa di risposta.
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Mente e cervello



Potrebbe interessarti
Telelavoro: pregi e difetti
Mente e cervello
15 novembre 2017
News
Telelavoro: pregi e difetti
A passo di danza si invecchia meglio
Mente e cervello
09 novembre 2017
News
A passo di danza si invecchia meglio