28/06/04  - ANSIA - Malattie infettive

28 giugno 2004

ANSIA





Domanda del 28 giugno 2004

Domanda: ANSIA


Domanda di Malattie infettive, inviata in data 28 giugno 2004.

DA UN PO' DI TEMPO SOFFRO DI ANSIA DOVUTA IN PARTICOLARE AL CONTINUO PENSIERO DI AVERE QUALCHE MALATTIA GRAVE AL PRESENTARSI DI UN DOLORE. ORA E' DA UNPO DI TEMPO CHE HO LA DIARREA VOLEVO CHIEDERVI SE E' LEGATO A QUESTO FATTORE DI AGITAZIONE E SE E' POSSIBILE CHE DURI ANCHE DA UN MESE GRAZIE
Risposta del 01 luglio 2004

Risposta di GIULIA MARIA D'AMBROSIO


I disturbi della motilità intestinale sono estremamente dipendenti dalla situazione psicologica. Se non ci sono altri disturbi fisici, la causa potrebbe essere questa.
Il suo disturbo è iniziato con la morte di qualcuno? O con il finire di qualche stato/situazione/condizione importante della sua vita?
Si faccia risentire. Cordialmente.

Dott.ssa Giulia Maria D'Ambrosio
Specialista attività privata
MILANO (MI)



Il profilo di GIULIA MARIA D'AMBROSIO
Risposta del 01 luglio 2004

Risposta di JUANITA PILAR COPPOLA


La Diarrea puo essere essere correlata con l' Ansia , se poi ha un continuo pensiero di avere qualche malattia grave quando si presenta un dolore potrebbe essere indicato un consulto con qualche psicoterapeuta che può agire oltre che sui suoi pensieri persistenti anche sull' Ansia

Dott.ssa juanita pilar coppola
Specialista attività privata
PESCARA (PE)





Il profilo di JUANITA PILAR COPPOLA
Risposta del 02 luglio 2004

Risposta di ENRICA FANTINI


Quando si può escludere una qualsiasi causa di tipo organico ( secondo le indicazioni del proprio medico di famiglia) non vi è dubbio che l' Ansia possa determinare alterazioni della funzionalità dell'apparato gastroenterico, come di qualsiasi altro apparato del resto. Basti pensare all'esperienza che abbiamo fatto tutti quando di fronte ad un esame da sostenere o quando aspettavamo la ragazza del cuore al primo appuntamento, sintomi come ipermotilità intestinale, oppure sudorazione profusa, o tachicardia, sopravvenivano d'improvviso.
Quando però non siamo in grado di conoscere le cause dei nostri sintomi, ci preoccupiamo e non sappiamo cosa pensare. Ci dimentichiamo che il nostro inconscio manda messaggi a nostra insaputa utilizzando spesso il corpo.
Il suo incoscio è probabile che cerchi di comunicare un disagio, un problema psicologico non risolto attraverso la sua pancia. Per conoscere i motivi che stanno alla base di tale disturbo può farsi aiutare da uno psicoterapeuta, che non solo l' aiuterà a capire, ma anche a risolvere tali problematiche.


Dott.ssa enrica fantini
Specialista attività privata



Il profilo di ENRICA FANTINI
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Malattie infettive



Potrebbe interessarti