17/02/13  - Anticorpi antitireoglobulina e anti tpo elevati - Diabete tiroide e ghiandole

17 febbraio 2013

Anticorpi antitireoglobulina e anti tpo elevati





Domanda del 17 febbraio 2013

Domanda: Anticorpi antitireoglobulina e anti tpo elevati


Domanda di Diabete tiroide e ghiandole, inviata in data 17 febbraio 2013.

salve sono una ragazza di venti anni ho effettuato il dosaggo degli ormoni tiroidei perché mi sentivo molto nervosa i risultati sono tsh 2,70 e deve essere tra 0,34 a 5,6 ft3 2,70e deve essere tra 2,39e 6,79 ft4 0,84 e deve essere tra0,61 e 1,12 quelli fuori della norma sono gli anti tpo a 116 e devono essere fino a 16e gli anti tireoglobula 427 e devono essere fino a cento certamente mi farò fare un ecog e andrò da un endocrinologo ma vorrei sapere cosa potrebbe essere ho letto che si possono avere problemi a concepire e problemi di aborto e io la voglio una gravidanza in futuro ce una cura per evitare ciò ? Sono molto preoccupata grazie in anticipo
Risposta del 22 febbraio 2013

Risposta di ROBERTO MELLA


Lei ha la presenza di anticorpi anti tiroide che in un futuro possono provocare un deterioramento della funzione ghiandolare con eventuale instaurarsi di ipotiroidismo. Dovrà sorvegliare la funzione tiroidea durante una eventuale gravidanza.

Dott. roberto mella
Medico Ospedaliero
Specialista in Medicina interna
Novara (NO)

Il profilo di ROBERTO MELLA
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Diabete tiroide e ghiandole



Potrebbe interessarti
Giornata mondiale del diabete: la prevenzione è la cura più efficace
Diabete tiroide e ghiandole
13 novembre 2017
Interviste
Giornata mondiale del diabete: la prevenzione è la cura più efficace
Dia Day: al via campagna di prevenzione del diabete in farmacia
Diabete tiroide e ghiandole
06 novembre 2017
News
"Dia Day": al via campagna di prevenzione del diabete in farmacia
La vita in città aumenta il rischio di diabete
Diabete tiroide e ghiandole
02 novembre 2017
News
La vita in città aumenta il rischio di diabete