10/09/04  - Apparecchio di contenzione - Malattie infettive

10 settembre 2004

Apparecchio di contenzione





Domanda del 10 settembre 2004

Domanda: Apparecchio di contenzione


Domanda di Malattie infettive, inviata in data 10 settembre 2004.

buongiorno ho levato l'apparecchio ortodontico, prima avevo i denti superiori in fuori a ventaglio e due canini inclusi, uno anchilosato. Adesso ho i denti dritti, un canino è sceso e l'altro è stato sostituito da un impianto endosseo. Il dentista mi raccomanda di tenere le placche di contenzione praticamente per tutta la vita perchè altrimenti avrei una recidiva. La domanda che vorrei fare è se dovessi non portarle la notte e subissi una recidiva oltre che glia ltri denti si sposterebbe anche l'impianto oppure no? grazie matteo
Risposta del 13 settembre 2004

Risposta di CARMELO BRUNO CHIOFALO


i consigli del curante vanno seguiti. Che ne pensa?Avere denti in recidiva non allineati con l'impianto "fermo" al posto di inserzione a cosa servirebbe?Auguri

Dott. Carmelo Bruno Chiofalo
Specialista attività privata
ROMA (RM)



Il profilo di CARMELO BRUNO CHIOFALO
Risposta del 22 settembre 2004

Risposta di GIUSEPPE SCANDALE


Vedrai che dopo un congruo periodo (di solito lo stesso tempo che si è portato l'apparecchio) il tuo dentista ti autorizzerà a non portare la placca di stabilizzazione.
Ciao.
Dott. Giuseppe Scandale
Medico chirurgo odontoiatra
Roseto degli Abruzzi

Dott. Giuseppe Scandale
Specialista attività privata
Odontoiatra
ROSETO DEGLI ABRUZZI (TE)



Il profilo di GIUSEPPE SCANDALE
Risposta del 24 settembre 2004

Risposta di BRUNO MARCELLI


il grado di recidiva dipende dall'età del trattamento, oltre che dall'entità del problema iniziale. L'impianto non si muove di certo, ma il movimento dei denti, che è impercettibile e dura tutta la vita, anche a chi non ha eseguito terapie ortodontiche, può essere facilmente prevenuto da un uso continuo, anche se non assiduo dopo i primi 6 mesi, della contenzione. Vista l'entità del trattamento subito, un piccolo sacrificio non rovina quanto eseguito. Codiali saluti

Dott. bruno marcelli
Specialista attività privata
Universitario
Odontoiatra
ROMA (RM)



Il profilo di BRUNO MARCELLI
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Malattie infettive



Potrebbe interessarti