29/07/04  - Arteriosclerosi - Malattie infettive

29 luglio 2004

Arteriosclerosi





Domanda del 29 luglio 2004

Domanda: Arteriosclerosi


Domanda di Malattie infettive, inviata in data 29 luglio 2004.

mia nonna soffre di arteriosclerosi, ed in questi giorni le crisi sono degenerate, se prima si trattava solo perdite di memoria, adesso ha alternativamente crisi di paranoia, di allucinazioni, di perdita della memoria con aggressività, di incapacita di controllare le risposte emotive, incapacità di riconoscere i propri cari e di voler tornare dai genitori; il medico di famiglia ci ha detto che è una malattia incurabile, e che l'unica cosa da fare è darle un pò di valium durante le crisi di aggressività, ma è veramente incurabile questo male? E il valium è il medicinale giusto in quei casi, o forse li peggiora nel tempo, e forse ci sono altri medicinali che possono rallentare il peggioramento della malattia? I serotoninergici possono essere migliori delle benzodiazepine come il valium? Grazie per ogni eventuale risposta Simone
Risposta del 29 settembre 2004

Risposta di VINCENZO MARTUCCI


L' Arteriosclerosi sicuramente è presente se è stata diagnosticata, e data l'età della nonna sarebbe pure "anomalo" che non l'avesse, ma potrebbero anche concomitare altre patologie di tipo demenziale (non è un termine offensivo,ma tecnico!) e, considerata l'aggressività di cui riferisce non potrei neanche escludere l'ipotesi (e solo ipotesi perchè diagnosi in assenza del paziente non se ne possono formulare) di un Alzheimer . Sarebbe opportuno che Lei ricontattasse il Suo medico curante per risottoporre a visita la nonna se son comparsi nuovi sintomi dall'ultima volta che l'aveva vista.

Dott. vincenzo martucci
Medico Ospedaliero
UDINE (UD)



Il profilo di VINCENZO MARTUCCI
Risposta del 25 novembre 2004

Risposta di MARIA DOMENICA SORBO


Caro Lettore,
i sintomi descritti fanno effettivamente pensare a una demenza. Le due forme principali di demnza conosciute sono quella vascolare e quella di Alzheimer . Prtroppo gli effetti sono più o meno gli stessi. Terapie risolutive non esistono, ma, dopo un'accurata valutazione neuropsichiatrica è possibile individuare una terapia mirata, almeno da rallentare la malattia (nell' Alzheimer ) o da ridurre le crisi di aggressività (forme vascolari). Esistono, in alcune città italiane delle unità valutative per la demenza (attraverso il suo medico potrebbe informarsi se ciò avviene anche nella sua città). Inoltre, gruppi di volontariato, attraverso una serie di azioni, cercano di essere vicini ai "caregivers" dei soggetti con demenza che non hanno certo vita facile.

Le sono vicina

Dott. Maria Domenica Sorbo
Medico Ospedaliero
DOLO (VE)



Il profilo di MARIA DOMENICA SORBO
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Malattie infettive



Potrebbe interessarti