20/09/04  - Aspirinetta nel 3º trimestre di gravidanza - Salute femminile

20 settembre 2004

Aspirinetta nel 3º trimestre di gravidanza




Domanda del 20 settembre 2004

Domanda


Salve, ho 32 anni e sono alla 30ª settimana di gravidanza. Dalla 21ª settimana sto assumendo 1 compressa da 100mg di ASPIRINETTA al giorno. Mi e' stata prescritta dal mio ginecologo in seguito ad una ecografia di controllo con velocimetria Doppler, la quale evidenziava "una pulsatilita' aumentata a livello delle arterie uterine". In seguito, ad un nuovo controllo (alla 27ª settimana), risultava "normale la media delle arterie uterine". Il mio ginecologo mi ha comunque consigliato di continuare l'assunzione del farmaco stesso sino al prossimo controllo (4 ottobre - 32 settimana). Ho letto sul foglio illustrativo del medicinale sopraccitato che l'impiego dell'aspirinetta negli ultimi tre mesi della gravidanza puo' provocare fenomeni emorragici nel feto e nella madre, ritardi di parto e, nel nascituro, precoce chiusura del dotto di Botallo. La mia domanda e' la seguente: - Ci sono rischi, quindi nell'assunzione prolungata di questo farmaco adesso e fino alla fine della gravidanza? Quali? Grazie per la consulenza Teresa Ps Dato che mi sara' possibile entrare in contatto con il mio ginecologo solo alla 32 settimana (4 ottobre), mi sarebbe d'aiuto avere questa consulenza adesso.
La domanda è in attesa di risposta.
Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Salute femminile



Potrebbe interessarti
Omeopatia, fitoterapia e integratori, un aiuto per la sindrome premestruale
Salute femminile
19 marzo 2018
Notizie e aggiornamenti
Omeopatia, fitoterapia e integratori, un aiuto per la sindrome premestruale
Festa della donna all’insegna della salute ginecologica
Salute femminile
06 marzo 2018
Notizie e aggiornamenti
Festa della donna all’insegna della salute ginecologica
Automedicazione per i disturbi ‘in rosa’
Salute femminile
23 febbraio 2018
Notizie e aggiornamenti
Automedicazione per i disturbi ‘in rosa’