17/04/13  - Battiti accellerati con agitazione e ansia - Diabete tiroide e ghiandole

17 aprile 2013

Battiti accellerati con agitazione e ansia





Domanda del 17 aprile 2013

Domanda: Battiti accellerati con agitazione e ansia


Domanda di Diabete tiroide e ghiandole, inviata in data 17 aprile 2013.

buongiorno pochi giorno fà sono andato dal mio medico esponendo i miei problemi mi ha fatto fare gli esami della tiroide i risultati sono questi TSH 3, 106 valori normali 0, 38-4, 31 T3 3, 15 valori normali 2, 1-3, 8 T4 1, 28 valori normali 0, 28-1, 63 il mio medico mi ha detto che i battiti accellerati sono un fattore ansioso
Risposta del 20 aprile 2013

Risposta di FRANCESCO TOVOLI


Gli esami riportati riguardano la funzionalità tiroidea, che il Suo medico ha ritenuto di dovere controllare in quanto talora sia la sensazione di cardiopalmo che l'ansia possono essere causate da una aumentata funzionalità della ghiandola tiroidea.
I controlli che ha effettuato sono risultati nella norma, per cui i disturbi riportati non sono causati dalla tiroide. Non è chiaro se siano stati effettuati ulteriori esami per indagare eventuali altre cause, ma sicuramente il Suo medico ha un quadro di insieme della situazione che non è possibile avere via Internet.

Dott. Francesco Tovoli
Universitario
Specialista in Medicina interna
Bologna (BO)

Il profilo di FRANCESCO TOVOLI
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Diabete tiroide e ghiandole



Potrebbe interessarti
Giornata mondiale del diabete: la prevenzione è la cura più efficace
Diabete tiroide e ghiandole
13 novembre 2017
Interviste
Giornata mondiale del diabete: la prevenzione è la cura più efficace
Dia Day: al via campagna di prevenzione del diabete in farmacia
Diabete tiroide e ghiandole
06 novembre 2017
News
"Dia Day": al via campagna di prevenzione del diabete in farmacia
La vita in città aumenta il rischio di diabete
Diabete tiroide e ghiandole
02 novembre 2017
News
La vita in città aumenta il rischio di diabete