05/10/04  - Bile nello stomaco - Stomaco e intestino

05 ottobre 2004

Bile nello stomaco




Domanda del 05 ottobre 2004

Domanda


Vorrei ringraziare per la possibilità che mi date di chiedere un parere ai vostri esperti. Qualche giorno fa ho eseguito una gastroscopia, in quanto soffrivo di dolore allo stomaco e bruciori, mi hanno diagnosticato una gastrite erimatosa e hanno notato che lo stomaco era fortemente tinto di bile. La mia domanda è questa, cosa puo significare avere lo stomaco fortemente tinto di bile? Vi ringrazio per l'attenzione e confido in una vostra risposta.
Risposta del 08 ottobre 2004

Risposta di MAURO SPANDRE


Significa che vi e' probabilmente un reflusso biliare duodeno-gastrico, cioe' la bile, invece di fluire correttamente dal duodeno verso i segmenti inferiori dell'intestino, refluisce, attraverso il piloro, nello stomaco.
Questo fenomeno e' frequente nei pazienti ai quali sia stata asportata la colecisti.
Dallo stomaco il reflusso biliare (chiamato anche reflusso alcalino) puo' risalire anche nell'esofago, cosituendo una delle cause della malattia da reflusso gastro-esofageo che si manifesta con bruciori epigastrici, reflusso, Tosse secca....

Dott. mauro spandre
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata



Il profilo di MAURO SPANDRE
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Stomaco e intestino



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     


Patologie



Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Mal di viaggio: sintomi e rimedi
Stomaco e intestino
03 luglio 2018
Notizie e aggiornamenti
Mal di viaggio: sintomi e rimedi
Gonfiore e distensione addominale: conosciamo causa e trattamento
Stomaco e intestino
19 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Gonfiore e distensione addominale: conosciamo causa e trattamento
Sindrome dell'intestino irritabile: un aiuto dai probiotici
Stomaco e intestino
21 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Sindrome dell'intestino irritabile: un aiuto dai probiotici