01/09/04  - Calo del desiderio - Malattie infettive

01 settembre 2004

Calo del desiderio




Domanda del 01 settembre 2004

Domanda


Da circa 8 mesi io e mia moglie stiamo cercando di avere un figlio, senza ancora esserci riusciti. Fino ad un mese fa' pero', tutto andava comunque per il meglio; ma ora c'e' qualche problemino in piu'. Un mese fa', per un sommarsi di varie cose, ho avuto un leggero periodo di depressione, che comunque e' passato quasi subito, lasciando pero' qualche traccia. In quel periodo, ho cercato di nascondere a mia moglie (che di carattere e' piuttosto debole) il mio stato d'animo, ma se n'e' accorta lo stesso: ho avuto un improvviso calo del desiderio, e in 2 casi "ho fallito" (se cosi' si puo' dire). Ora, che la depressione e' passata (da sola, senza l'uso di farmaci) mi sento spesso in uno stato di ansia, il desiderio non e' piu' quello di una volta (anche se, quando riusciamo ad avere rapporti funziona tutto bene): stranamente provo desiderio proprio quando e' impossibile farlo, mentre quando siamo li' ... niente o quasi. Cosa mi consigli di fare? Volevo provare ad utilizzare un ansiolitico (ovviamente ne parlerei con il medico, prima) tipo il Lexotan (che fra l'altro ho gia' utilizzato in passato), ma uno degli effetti indesiderati di questo tipo di medicinali e' proprio il calo della libido, e questo proprio non lo vorrei! grazie mille in anticipo v.m.
Risposta del 03 settembre 2004

Risposta di SALVATORE TERRANOVA


Certo possiamo intraprendere la strada dei controlli : ormonali, rx ecc. ecc. ma io penso con ogni probabilita' che
sicuramente sei sulla strada buona perche' hai gia' fatto da te stesso una buona disamina del tuo temporaneo stato di Ansia e consapevole della diagnosi piu' probabile sei pronto per guarirne; devi solo usare il tranquillante
che hai menzionato in dosi leggere la sera prima di dormire per favorire un buon sonno ristoratore e alla mattina
usare d'accordo col tuo medico un buon antidepressivo poiche' sicuramente te ne gioverai e che potrai abbandonare dopo qualche settimana.
Attenzione a non farne una tragedia familiare anzi e' bene riderci su' e molto..per poi ricominciare con piu' amore
e passione.
Saluti
dr.t.s.

Dott. Salvatore Terranova
Medicina generale convenz.



Il profilo di SALVATORE TERRANOVA
Risposta del 03 settembre 2004

Risposta di STEFANO BARILLA


L'ansiolitico è sicuramente sconsigliato in questo caso, il problema sembra di tipo psicologico e legato forse ad una situazione di Depressione "latente" che ancora si trascina. Quindi una psicoterapia e farmaci antidepressivi, sarebbero più efficaci del solo farmaco ansiolitico.

Dott. Stefano Barilla
Casa di cura convenzionata
Specialista attività privata
CINQUEFRONDI (RC)



Il profilo di STEFANO BARILLA
Per rispondere alla domanda clicca qui

Sei un medico? Clicca qui e scopri come aderire al servizio.


Domande e risposte di Malattie infettive



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     


Schede patologia


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Influenza 2017: riflettori puntati sulla vaccinazione
Malattie infettive
27 novembre 2017
Notizie
Influenza 2017: riflettori puntati sulla vaccinazione
Vaccinazioni obbligatorie: facciamo chiarezza
Malattie infettive
04 settembre 2017
Notizie
Vaccinazioni obbligatorie: facciamo chiarezza