21/07/04  - Cespo di lattuga VS lattuga pronta - Alimentazione

21 luglio 2004

Cespo di lattuga VS lattuga pronta





Domanda del 21 luglio 2004

Domanda: Cespo di lattuga VS lattuga pronta


Domanda di Alimentazione, inviata in data 21 luglio 2004.

Avrei piacere di ricevere una risposta scientificamente argomentata sulla eventuale differenza di valore nutritivo di un piatto di insalata preparato con un cespo appena colto e di uno preparato con le buste di insalata già pronta (pulita, tagliata e lavata).

E' vero che la maggior parte delle vitamine della lattuga sono sciolte nella sua parte acquosa?

Può essere vero che per questo nella lattuga pronta e già tagliata molte di esse vanno perdute nel processo di preparazione e impacchettamento del prodotto finito?

Si può affermare che il cespo di insalata fresca ha un valore nutritivo superiore a quello di una busta di insalata già pronta pulita, tagliata e lavata?

Gradirei una risposta supportata da fonti scientifiche sull'argomento. Grazie mille per la cortese attenzione e cordiali saluti.

Manuela
Risposta del 24 luglio 2004

Risposta di GIULIA MARIA D'AMBROSIO


L'unica risposta attendibile potrebbe dargliela l'Istituto Nazionale della Nutrizione, se si prendesse la briga di eseguire delle analisi qualitative e quantitative sulla lattuga impacchettata.
Per un quesito così specifico e forse un po' pignolo credo che, più che i medici, siano i chimici a poterle rispondere. Faccia un salto al laboratorio chimico provinciale (quello che si occupa del controllo di qualità su pane, acqua ecc. -- a Milano si trova in via Juvara) e veda se trova qualcuno disponibile e informato.
Le vitamine contenute nella lattuga sono idrosolubili, perciò si trovano certamente nell'acqua contenuta nelle foglie e nei gambi. Non penso proprio che il processo di pulitura (che peraltro viene effettuato anche sulla lattuga comprata in cespo) depauperi la verdura in questione.
Il problema delle verdure fresche non è un problema di quantità FISICA di vitamine, è un problema di energia vitale, di cui la nostra scienza non si cura. Nutrizionalmente, ciò che è fresco non si discosta da ciò che è preparato o surgelato. Ma l'alimento "vivo" ha in sé una qualità energetica (non calorica
!) differente.
Cordialmente.

Dott.ssa Giulia Maria D'Ambrosio
Specialista attività privata
MILANO (MI)



Il profilo di GIULIA MARIA D'AMBROSIO
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Alimentazione



Potrebbe interessarti
Torta tutta mele con farina di mais
Alimentazione
17 novembre 2017
Le ricette della salute
Torta tutta mele con farina di mais
Insalata calda con sgombro, ceci e cimette di rapa
Alimentazione
13 novembre 2017
Le ricette della salute
Insalata calda con sgombro, ceci e cimette di rapa