28/10/04  - Colesterolo e trigliceridi alti - Alimentazione

28 ottobre 2004

Colesterolo e trigliceridi alti




Domanda del 28 ottobre 2004

Domanda


NEGLI ULTIMI ESAMI SONO STATI RILEVATI COLESTEROLO ALTO (280) E TRIGLICERIDI ALTI(192), da premettere che prendo già procaptan-capsule per regolare la pressione arteriosa che è alta già da un anno, adesso il mio medico mi consiglia di prendere "CASTOR mg 10 per regolare il colesterlo, io ho paura perchè so che questi farmaci hanno effetti collaterali devastanti, è vero? Ed eventualmente cosa rischio? Poi volevo sapere se è vero che le mandorle e le noci abbastano il colesterolo, ed in quale quantità giornaliera. (Ho 52 anni)Grazie
Risposta del 02 novembre 2004

Risposta di RAFFAELE CANALI


Per valutare meglio la sua dislipidemia occorre sapere i valori del ch.hdl e ldl ;comunque sicuramente è necessario trattamento in quanto Lei è giovane e iprteso.Per quanto riguarda il farmaco prescritto,rosuvastatina,
è senza dubbio potente,e non ha effetti collaterali devastanti!Tuttavia essendoci farmaci della stessa categoria
usati da molti anni e con parecchi studi ,con comprovati scarsi effetti collaterali,personalmente opterei in primis
per uno di questi(atteggiamento prudenziale),monitorando in corso di terapia la funzionalita' epatica e le cpk.Per
quanto riguarda le mandorle e le noci,non penso abbiano azione ipolipemizzante...comunque qualche collega dietologo potra'risponderle con precisione.Cordialita'.

Dott. Raffaele Canali
Medicina generale convenz.
Specialista attività privata
DESIO (MI)



Il profilo di RAFFAELE CANALI
Risposta del 03 novembre 2004

Risposta di GIULIA MARIA D'AMBROSIO


Sono allo studio i componeneti oleosi di noci e compagnia, ma non è pensabile una integrazione in tal senso, anche perché la frutta secca, se assunta al posto dell'olio, ha comunque un effetto lassativo indesiderabile.
L'unica vera soluzione per lei è quella di abituarsi a un regime dietetico che limiti i grassi al 25-28% della razione calorica, evitando i grassi solidi (quindi anche quelli contenuti in carne, formaggio e salumi), limitando molto l'apporto di zucchero e frutta (qui sarebbe necessario fare dei calcoli per essere precisi), eliminando anche il minimo barlume di alcool, aumentando in modo consistente l'attività fisica (almeno 30 minuti quotidiani di attività aerobica, basta perciò camminare di buon passo), assumere lecitina di soja badando a sceglierne una marca che le consenta di introdurre una buona quantità di fosfolipidi attivi.
Proceda per 6 mesi e poi vediamo come va. In bocca al lupo.

Dott.ssa Giulia Maria D'Ambrosio
Specialista attività privata
MILANO (MI)



Il profilo di GIULIA MARIA D'AMBROSIO
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Alimentazione



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     


Schede patologia


Calcolo del peso ideale


Potrebbe interessarti
Lo stress fa ingrassare. Cinque regole sane da adottare
Alimentazione
22 febbraio 2018
Notizie e aggiornamenti
Lo stress fa ingrassare. Cinque regole sane da adottare
Rondelle di spinaci alla trota affumicata
Alimentazione
18 febbraio 2018
Le ricette della salute
Rondelle di spinaci alla trota affumicata
Alimentarsi correttamente, convegno a Milano
Alimentazione
18 febbraio 2018
Notizie e aggiornamenti
Alimentarsi correttamente, convegno a Milano