23/11/04  - COLITE 1 - Malattie infettive

23 novembre 2004

COLITE 1





Domanda del 23 novembre 2004

Domanda: COLITE 1


Domanda di Malattie infettive, inviata in data 23 novembre 2004.

Gentile dottore, ho 30 anni e da un pò di tempo avverto dei disturbi all'addome: dolorini al quadrante sx e spesso anche a quello dx, in modo particolare quando non evacuo con regolarità (per regolarità nel mio caso, in quanto soffro un pò di stitichezza, intendo ogni due-tre giorni), i dolori delle volte sono anche al centro del colon trasverso. Ieri sono stata dal medico curante il quale all'esame obiettivo ha riscontrato il colon troppo teso e nessun segno di appendice infiammata (in caso di stichezza persistente spesso l'appendice si infiamma e risulta dolente alla palpazione specie se profonda). Mi è stato consigliato di assmere due capsule al dì di debridat. Le chiedo se tale terapia è indicata e il quadro clinico sopradescritto a quali altre patologie può essere riconducibile il colon teso? Grazie Cordiali saluti
Risposta del 27 novembre 2004

Risposta di VINCENZO MARTUCCI


occorre sfatare il mito che chi non evacua almeno una volta al giorno sia stitico. Un'evacuazione regolare di poche volte a settimana può rientrare nella norma, perchè ogni intestino ha una sua propria "regolazione". Ciò premesso dolori e tensioni sono effettivamente un segnale che qualcosa non va per il verso giusto, ma indicazioni diverse da quelle fornite da un Collega che l'ha visitata non sono certamente in condizioni di dargliene, piuttosto,invece, posso suggerirLe, cura a parte, di essere molto attenta con la dieta.

Dott. Vincenzo Martucci
Medico Ospedaliero
UDINE (UD)



Il profilo di VINCENZO MARTUCCI
Risposta del 30 novembre 2004

Risposta di GIULIA MARIA D'AMBROSIO


Avrebbe bisogno di trovare uno specialista del lavoro sul corpo che sia in grado di massaggiare anche gli organi interni.
Il massaggio profondo dell'intestino è in grado di rimuovere anche i blocchi psicologici che sono alla base dei distubi fisici.
Se ce la fa, può anche cominciare da sola, al mattino prima di iniziare le attività quotidiane. Massaggi il colon cominciado in basso a destra e cercando di seguirne il tragitto. Si aiuti nell'identificare il colon con un semplice libro di anatomia e affinado la sensazione nelle mani. Quando schiaccia in un punto dove sente dolore, affondi le dita fin dove sente la tensione (che spesso è percepibile sul fianco e sulla schiena), respirando lentamente fino a che sente che l'intestino si rilassa, diventa morbido e non duole più.
Gorgoglii e rumori sono il segno che il massaggio funziona.
Mi faccia sapere come va. Un caro saluto.

Dott.ssa Giulia Maria D'Ambrosio
Specialista attività privata
MILANO (MI)



Il profilo di GIULIA MARIA D'AMBROSIO
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Malattie infettive



Cerca nel sito


Cerca in


Farmaci  |  Esperto risponde  |


Schede patologie


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti