12/08/04  - Consulto problema salute - Malattie infettive

12 agosto 2004

Consulto problema salute




Domanda del 12 agosto 2004

Domanda


Ciao, sono Fabrizio. Potete dirmi come si riconosce una persona che ha avuto un alzamento di pressione arteriosa invece che un abbassamento? Cosa fare nel caso di alta pressione? E cosa per una persona che camminando ha avuto un "rinsaccamento" della colonna vertebrale? Grazie.
Risposta del 10 settembre 2004

Risposta di PIERO SEINERA


La diagnosi differenziale tra attacco ipertensivo ed episodio di ipotensione non e' cosi' importante come sembra se parliamo di interventi in strada di pronto soccorso. L' Ipertensione non da' generalemte disturbi tali da rendere la persona inabile (salvo che non sia colpita da ictus cerebrale o Infarto causati dalla malattia ipertensiva stessa che costituisce un fattore di rischio per tali accidenti vascolari) L'ipoteso in genere e' pallido, con un polso debole (rallentato e poco percepibile) respira a fatica e sembra in preda ad una grande stanchezza.
L'ultima domanda riguarda i traumi della colonna vertebrale che richiedono molta cautela e soprattutto piu' il NON fare che il fare. Non bisogna muovere l'incidentato in nessun caso per non creare lesioni irreversibili del midollo spinale qualora esso sia coinvolto dal trauma. Chiamare il 118 e' la soluzione migliore

Dott. Piero Seinera
Medico Ospedaliero



Il profilo di PIERO SEINERA
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Malattie infettive



Potrebbe interessarti
Corretto uso degli antibiotici, anche uno spot
Malattie infettive
01 febbraio 2018
Notizie e aggiornamenti
Corretto uso degli antibiotici, anche uno spot
Combattere l’influenza con la dieta
Malattie infettive
24 gennaio 2018
Notizie e aggiornamenti
Combattere l’influenza con la dieta
L’influenza è alle porte, ma c’è ancora tempo per ricorrere al vaccino
Malattie infettive
18 dicembre 2017
Notizie e aggiornamenti
L’influenza è alle porte, ma c’è ancora tempo per ricorrere al vaccino