07/07/04  - Controllo risultati radioterapia - Salute maschile

07 luglio 2004

Controllo risultati radioterapia




Domanda del 07 luglio 2004

Domanda


Sto ultimando un ciclo di radioterapia (36 sedute previste) perchè affetto da adenocarcinoma della prostata (Ta1-Gleason 2+3) riscontrato incidentalmente nel corso di una TURP. Quali controlli possono essere previsti dopo la fine della radioterapia per rilevare gli effetti della stessa sul tumore e con quale cadenza? RingraziandoVi del cortese riscontro che vorrete fornirmi, Vi porgo distinti saluti Michele
Risposta del 31 luglio 2004

Risposta di BERNARDO ROCCO


La radioterapia esterna del cancro prostatico è, ad oggi, considerata uno strumento efficace nei confronti della malattia localizzata. Anche se non ci fornisce il dato del Suo PSA iniziale, lo stadio T1a e il grado Gleason 2+3=5 configurano una malattia con un grado di malignità modesto e, pertanto, con ottime probabilità di una completa guarigione. Ciononostante i controlli post-terapeutici (follow up) sono molto importanti. Nel caso specifico, Le consiglierei di dosare il PSA a 1, 3 e 6 mesi dal trattamento, ricordando che a differenza dei trattamenti chirurgici, dove il valore deve mantenersi costantemente inferiore a 0,2 ng/ml (o secondo alcuni a 0,4), nel caso del trattamento radiante sono contemplate delle fluttazioni più o meno ampie che non per forza devono far pensare ad una recidiva. Consiglierei, inoltre, di effettuare una uroflussimetria con valutazione del residuo post-minzionale per monitorare l'aspetto "idraulico" conseguente alla TURP a cui Lei è stato sottoposto.


Dott. Bernardo Rocco
MILANO (MI)




Il profilo di BERNARDO ROCCO
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Salute maschile



Potrebbe interessarti
Tumori maschili, dieci regole per prevenirli
Salute maschile
17 marzo 2018
Notizie e aggiornamenti
Tumori maschili, dieci regole per prevenirli
La procreazione assistita è anche una scelta socio-culturale
Salute maschile
16 ottobre 2017
Notizie e aggiornamenti
La procreazione assistita è anche una scelta socio-culturale