24/09/04  - Coppia Distacco - Mente e cervello

24 settembre 2004

Coppia Distacco




Domanda del 24 settembre 2004

Domanda


Ho 27 anni, sono stato insieme ad una ragazza per ben otto anni, siamo cresciuti praticamente insieme, comunque rispettando i nostri spazi e i nostri interessi senza dipendere troppo l'uno dall'altra.
Quest'anno è stato un anno difficile per tutti e due: lei studia ed ha una situazione familiare difficile, vive con la madre che è una persona molto all'antica e praticamente il loro dialogo risulta nullo; ovviamente si può immagianare la sua situazione dato che passa la maggior parte del tempo in casa a studiare.
Io non sono stato molto presente dato che lavoro per buona parte della settimana fuori casa.
Il nostro rapporto era caratterizzato si da molti litigi, ma alternati a momenti bellissimi.
Tornati dalle vacanze ho preso io l'iniziativa per dirgli se era tutto ok, dato che avevo notato un ulteriore peggioramento della situazione; la sua risposta è stata negativa e mi ha fatto presente che aveva bisogno di stare da sola per capire se la nostra relazione sarebbe potuta continuare o no.
Non ho avuto motivazioni precise, mi ha detto che non c'è nesun'altra persona ma che deve solamente riflettere.
Sono passate 4 settimane (d'inferno), ci siamo sentiti 4 o 5 volte e 1 volta siamo usciti(decisione presa da lei): abbiamo passato una serata insieme, non abbiamo parlato del problema e devo dire che ho ricevuto molti segnali positivi da lei; oltretutto la serata è stata bellissima; ma poi non mi ha più chiamato per una settimana. Ho provato a richiamarla per avere notizie, ma lei mi ha risposto che è ancora confusa e che non mi poteva dare una risposta.
Non so come comportarmi.
Non stò capendo più nulla.
Non sò se telefonargli.
Non riesco a concentrarmi sulle altre cose e su me stesso.
Vorrei un aiuto anche se penso che l'aiuto più grande provenga dal tempo, ma questa situazione di attesa è snervante.
Posso aiutarla a capire o in questo momento devo pensare soprattutto a me stesso?

Scusate la scrittura pessima.

Spero in una vostra risposta o in qualche consiglio.

GRAZIE

Risposta del 03 dicembre 2004

Risposta di MICHELE CALTABIANO


Forse non valuti nella maniera appropriata i segnali che ti vengon inviati, ma solo quelli che "rientrano" nella situazione che desideri maggiormente.

Dott. Michele Caltabiano
Specialista attività privata
PARMA (PR)



Il profilo di MICHELE CALTABIANO
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Mente e cervello



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     


Schede patologia


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Alzheimer, alla ricerca della terapia
Mente e cervello
21 febbraio 2018
Notizie e aggiornamenti
Alzheimer, alla ricerca della terapia
Anziani, uno su due si sente emarginato dalla società
Mente e cervello
09 febbraio 2018
Notizie e aggiornamenti
Anziani, uno su due si sente emarginato dalla società
la Sindrome di Asperger
Mente e cervello
02 febbraio 2018
Notizie e aggiornamenti
la Sindrome di Asperger