21/02/08  - Crico e snc - Mente e cervello

21 febbraio 2008

Crico e snc




Domanda del 21 febbraio 2008

Domanda


Gentile dottore,
sono 2 i problemi di salute che le pongo in esame:
1) "incompleto rilasciamento deglutitorio del crico faringeo determinante riduzione del lume viscerale ed evidente ostacolo al transito di boli anche liquidi" accertato da videofluorografia del tratto faringo/esofageo. Tuttavia la manometria esofagea non ha denotato alterazioni e la visita otorinolaringoiatrica (fibroscopia diretta) ha escluso patologie organiche stenosanti. Tuttavia il disturbo deglutitorio prosegue e il medico di base mi ha consigliato di trattarlo con la tizanidina; tuttavia informandomi su Internet mi chiedo e le chiedo se non sia più appropriato un miorilassante ad azione periferica. Inoltre vorrei sapere se questa patologia (che, mi sembra di aver capito che in termini tecnici si chiami disfagia orofaringea) è cronica o guaribile.
2) Referto dell EMG: Assente attività spontanea; dall'attività volontaria tracciati un pò impoveriti con PUM di maggior ampiezza su pedidio dx, gastrocnemio dx, su abduttore quinto dito sx, e su estensore c. dita sx. Segni EMG di sofferenza neurogena cronica C7-C8 a sx ed L4-L5 a dx.E' grave?.Un ultima cosa: ho recentemente iniziato a fare nuoto (devo imparare ancora a nuotare). Posso continuare o peggioro la mia situazione?
Scusandomi per essere stato prolisso la saluto cordialmente.
La domanda è in attesa di risposta.
Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Mente e cervello



Potrebbe interessarti
La diversità potente
Mente e cervello
24 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
La diversità potente
Cefalea
Mente e cervello
18 giugno 2018
Patologie
Cefalea
Energia Mentale
Mente e cervello
27 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Energia Mentale