13/09/04  - Dieta - Alimentazione

13 settembre 2004

Dieta




Domanda del 13 settembre 2004

Domanda


Buongiorno, per il mio sovrappeso, pochi giorni fa mi sono rivolta ad un dietologo il quale mi ha fatto un test, di cui non ricordo il nome, ponendomi degli elettrodi alle mani per individuare le mie possibili intolleranze alimentari. Individuate, mi ha prescritto una dieta, ma mi ha eliminato tutto: pane, pasta, riso, legumi etc. Poichè sono un po' scettica su tale test volevo chiederle un suo parere e l'eventuale affidabilità.
Risposta del 20 settembre 2004

Risposta di ROBERTO SORI


L'esame in oggetto è il driatest che si basa sull'assunto che l'esposizione ad allergeni alimentari modifica la contrattilità muscolare.
Non esiste però a tutt' oggi alcun lavoro scientificamente attendibile a sostegno di questa ipotesi.
Gli unici test validi sono quelli basati sulla valutazione delle immunoglobuline IgE (prelievo venoso) o attraverso le diete da esclusione.
Il drya test dà generalmente come risposta, guarda caso, un'intolleranza ad alimenti ritenuti ipercalorici (pane ,paste e lieviti).
Inoltre non c'è alcuna evidenza scientifica che correli intolleranza e sovrappeso.


dr. Roberto Sori
Specialista in Scienza dell'alimentazione e Dietologia
Medicina generale convenz.
Specialista attività privata
MILANO (MI)




Il profilo di ROBERTO SORI
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Alimentazione



Potrebbe interessarti
Amenorrea da sottopeso nelle giovani atlete. È rischio osteoporosi
Alimentazione
21 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Amenorrea da sottopeso nelle giovani atlete. È rischio osteoporosi
Integrazione home made per l'attività fisica ricreativa
Alimentazione
20 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Integrazione home made per l'attività fisica ricreativa
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Alimentazione
17 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà